Maradona di Kusturica: consacrazione di un idolo e di un'amicizia
LE VOCI DI MRB.IT | Dalla rubrica dedicata ai film sul calcio, 'Cinema Football Club'
Cinema Football Club Tutte le News
Le Voci di MRB.it Tutte le News
Foto da Milanotoday.it
Angelica Grippa | 9 Aprile 2020 - 19:16
Tempo di lettura: 2 minuti e 15 secondi
Si yo fuera Maradona viviria como èl…mil cohetes…mil amigos…y lo que venga a mil por cien’
‘Se fossi Maradona, vivrei come lui ... mille missili ... mille amici ... e qualunque cosa accada al mille percento "
Manu Chao, dalla colonna sonora del film 'Maradona di Kusturica'

Maradona di Kusturica:
è un film documentario, dedicato alla stella argentina Diego Armando Maradona, diretto appunto Emir Kusturica nel 2008. Da molti considerato il calciatore più forte di tutti i tempi, gli sono state dedicate varie pellicole ma questa in particolare, approfondisce il modo esaustivo la vita in Argentina del Pibe de oro. Un film scritto su Maradona e per Maradona, vista l’immensa stima che il regista nutre per il fuoriclasse argentino.

Le scene del film ripercorrono le tappe fondamentali di Maradona passando per Buenos Aires, Napoli e Cuba. Si parte dall’infanzia e dalle sue umili origini, la povertà e un bambino che ama solo giocare per strada. Poi arriva il suo esordio nell’Argentina Juniores e i primi successi: ma la consacrazione del giovane talento arriverà a Napoli. Idolatrato da tutti i tifosi azzurri sarà capace di realizzare il sogno scudetto contro la Juventus di Platini. Ma non solo negli anni d’oro, Diego Armando Maradona alzerà addirittura la Coppa del Mondo, nessun argentino dopo di lui. Ma la sua parobola si arresterà nel 1994, con la positività per efedrina ai test anti doping dei mondiali di calcio.

Ma la novità di questo film rispetto ali altri è il fatto che il regista si sofferma sugli aspetti più privati del campione argentino, il Maradona-uomo. Si racconta la sua famiglia, le debolezze di questo uomo legato alle dipendenze e novità assoluta la sua idea politica, da sempre schierato contro il sistema neo-liberista nordamericano, una posizione comune a molti sudamericani.

Le parole del calciatore in prima persona, le immagini che scorrono sullo schermo donano intensità al film,  che celebra il personaggio senza sacrificarne gli aspetti negativi. Kusturica ne traccia un profilo completo, ma dal suo lavoro si evince la sproporzionata adulazione per il personaggio descritto. Un trionfo calcistico ma non solo, l’uomo a 360°, due artisti che insieme danno vita ad un'opera d'arte: Maradona e Kusturica.

I due artisti sono legati da un profondo legame d’amicizia, questo ha reso il documentario una sorte di manifesto di questa reciproca ammirazione.

Il racconto è intriso di idealismo, Maradona come ogni uomo mostra limiti e debolezze: ma un fuoriclasse, un’artista del campo come lui riesce a rimanere al di sopra di ogni limite. Il messaggio ci pone una riflessione: si può andare oltre il successo, questa sorta di massacro dei media sempre a caccia di nuovi idoli da esaltare e al primo passo falso distruggere?
MRB.it Tag:
emir kusturica
maradona di kusturica
diego armando maradona
film sul calcio
ss napoli
argentina juniores
coppa del mondo
argentina
pibe de oro