SERIE C GIRONE C

Virtus Francavilla, ricetta Miceli: ''Virtus, avanti con umiltà''

Dalla rassegna stampa di oggi

Foto Luca Barone

RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da Quotidiano di Puglia

Ancora tre settimane di attesa e poi partirà la settima avventura della Virtus Francavilla in Lega Pro. Inizierà infatti a metà luglio, in sede, la prima parte del ritiro biancazzurro. Al momento, prima di iniziare le operazioni ufficiali di mercato, la Virtus Francavilla di mister Calabro può contare sui seguenti giocatori: Idda, Caporale, Miceli, Ingrosso, Tchetchoua, Enyan, Carella, Prezioso, Mastropietro, Patierno, Maiorino e Perez. Da valutare, in ogni caso, le possibili partenze di Franco, Toscano, Nobile, Pierno e anche dello stesso Prezioso. E, a tal proposito, il centrocampista campano potrebbe accasarsi ad Ancona per completare uno scambio col portiere Avella che andrebbe a difendere i pali della porta biancazzurra.

Invece, chi ha rinnovato il contratto con la Virtus fino al 2024 è stato il difensore Mirko Miceli, protagonista della scorsa stagione. Un traguardo raggiunto per la grande capacità tecnica del giocatore e per la volontà di società e atleta di provare a raggiungere obiettivi sempre più prestigiosi. «Credo che sia sempre il solito girone tosto e battagliero come lo è sempre stato. Occorre tantissima umiltà, tanto sacrificio e unità d'intenti da parte di tutti. Ovviamente l'auspicio è quello di fare un campionato importante sia personalmente e soprattutto di squadra», ha spiegato Miceli che ha parlato anche del rinnovo del contratto. «Sicuramente lo vedo come un attestato di stima da parte del presidente e del direttore, perché credo che oltre al giocatore abbiano apprezzato anche l'uomo e per questo li ringrazio. Inoltre per me avere due anni di contratto o giocare in scadenza è uguale. Di certo il rinnovo non mi appagherà anzi mi responsabilizzerà ancora di più. Cercherò di dare il massimo per metterlo al servizio della squadra». La Virtus quest'anno riparte da Antonio Calabro, l'allenatore del record di punti in serie C. Di lui Miceli dice: «Il mister l'ho affrontato diverse volte quando stava a Catanzaro, quindi sarà del tutto nuovo lavorare con lui. Sono curioso».

Miceli in passato ha dimostrato anche di saper andare in gol, risultato di particolari schemi sui calci piazzati ma anche di scelte dettate dalla situazione in campo. «In ogni singola stagione i gol li ho sempre fatti - dice -. Solo ad Avellino mi è capitato di non farne. A me piace trovare lo spazio da solo e la maggior parte dei gol li ho fatti così, ma ben vengano gli schemi». Il presidente Antonio Magrì ha dato avvio ad un progetto biennale. Miceli guarda al futuro: «È un bene far parte di una società che abbia un progetto serio e solido e che negli anni si è consolidata come una realtà importante per la categoria. Però credo che dovremmo pensare prima a disputare un grande ritiro per farci trovare pronti per l'inizio del campionato che ad oggi è la cosa più importante, poi vedremo dove possiamo arrivare».



Scroll to Top