SERIE A ASI

VCT, Orlando: ''Gol e tre punti, doppiamente felice''

Parla il protagonista della vittoria per 1-0 dei delfini contro My Friends La 106
   Redazione MRB.it

26 Febbraio 2023 - 21:00

Tempo di lettura: 3 minuti

La Virtus Calcio Taranto ha vinto ancora 1-0 e lo ha fatto in una partita difficile, non solo sportivamente, contro My Friends La 106, terza in classifica della Serie A ASI. La vittoria è arrivata grazie alla prima rete in campionato di Fabio Orlando, che ha aperto così l'intervista a MRB.it: "Sono doppiamente felice perché il gol ha portato direttamente ai tre punti. Lo dedico a Simone Albano che si è girato di nuovo, stavolta per farmi l'assist".

La gioia del gol è comunque durata poco perché il difensore dei delfini, schierato esterno di centrocampo a match in corso, prima si è fatto subito male alla caviglia e poi è stato aggredito con spinte e calci dagli avversari che pensavano stesse facendo finta per perdere tempo: "Le aggressioni sono cose che purtroppo capitano in questo torneo e sicuramente non era mia intenzione causare tutto quello che è successo, poi anche Nardone ha preso un pugno in faccia e mi dispiace. Come al solito sono scene che non vengono neanche punite dall'arbitro - il quale è riuscito ad ammonire l'incolpevole numero 16 rossoblù e addirittura a espellere mister Palumbo che aveva provato a difenderlo, ndr - e non sono cose piacevoli. La caviglia è un po' gonfia, spero di riuscire a recuperare per martedì", ha sottolineato il match winner ricordando l'importante impegno contro la Rubert in Coppa Italia che può valere il primo posto nel girone e l'accesso diretto alle semifinali.

Tornando al piano esclusivamente sportivo, il tarantino classe '94 ha fatto notare che "questa vittoria come quella contro Automobili Perrone mancavano a questa squadra e rappresentano punti di crescita importanti, comunque l'altro nostro obiettivo è vincere la Coppa oltre a fare bene in campionato".
Il successo di sabato pomeriggio al Vivere Solidale di Paolo VI riporta alla mente pareggio ottenuto in inferiorità numerica a ottobre e per la Virtus si può considerare come una chiusura del cerchio: "Dopo quella partita all'andata abbiamo iniziato a fare gruppo e punti, la grande differenza si è vista nelle sfide contro Samaflex e Automobili Perrone. Siamo passati da 0 punti e 11 gol subiti a 4 punti e 1 gol subito. Ora dobbiamo continuare su questa strada perché vogliamo andare in Coppa Uefa", ha ricordato Orlando.

La squadra subisce pochi gol e riesce a mettere in difficoltà chiunque, come visto proprio nelle ultime quattro settimane: "La compattezza è molto importante, perché in questo modo teniamo la partita in bilico fino alla fine, così come aver sfruttato l'occasione da gol. Ora con i ritorni degli infortunati abbiamo più consapevolezza di essere forti e ci crediamo fine alla fine", ma non solo per il 29enne in forza alla Virtus dalla scorsa stagione.
"Anche ripensando alla sconfitta con Fornaio del Viale, in cui il primo gol è venuto da un rigore e il secondo era da annullare, quello che funziona è proprio la fase difensiva, perché i centrocampisti danno una mano a chiudere gli spazi", ha fatto notare.
Magari si potrebbero segnare più gol ma, riprendendo le parole dell'allenatore in seconda Buonomo, "Con il 'corto muso' si gode, soprattutto negli ultimi minuti".

L'auspicio dei rossoblù è che le prestazioni viste a Crispiano e Paolo VI si ripetano anche contro la Rubert, l'altra squadra terza in classifica di A, che è sorprendentemente incappata in un ko contro lo Studio Dentistico De Pace: "Se sono al completo sono molto pericolosi, ma noi ce la giochiamo ugualmente. Schiavone e Manzella sulle fasce e Pizzolla in attacco sono da tenere d'occhio. Il fatto che abbiano perso l'ultima di campionato non ci deve assolutamente fare abbassare la guardia", ha avvertito in conclusione Orlando.

Resta sempre aggiornato!

Invia un messaggio WhatsApp al 380 762 9286 con scritto "Iscrivimi"
Seguici su Telegram (https://t.me/MRB_it)


NETWORK

Scroll to Top