COPPA ITALIA ASI

VCT, Caputo: ''Vogliamo vincere e dare il massimo''

Il terzino dei delfini presenta la semifinale contro la British F.C., in programma alle 21 al comunale di Talsano

"È il mio primo anno, sono uno degli ultimi arrivati e sicuramente è un bel traguardo essere in semifinale in una competizione divertente e interessante come questa". Nel presentare la sfida di questa sera contro la British F.C. che vale l'accesso alla finale di Coppa Italia ASI, Luca Caputo è partito dall'importanza del percorso personale e di squadra per la Virtus Calcio Taranto che si appresta ad affrontare gli avversari guidati da mister Careri per la sesta volta in stagione, sicuramente la più importante.

"È diverso dal campionato perché in questo caso è un dentro o fuori, non ci sono altre partite per poter recuperare - ha sottolineato il terzino dei delfini - e certamente vogliamo vincere e dare il massimo contro una bella squadra, insidiosa. Però sappiamo che con questo gruppo in Coppa ce la possiamo giocare con chiunque, soprattutto se giochiamo come sappiamo fare e come abbiamo fatto vedere ultimamente".
Il tarantino classe '95 è fiducioso, nonostante un paio di insidie che il match in programma alle 21 al comunale di Talsano rappresenta, a partire dal fatto che l'ultima uscita ufficiale della Virtus è datata 30 aprile, cioè 17 giorni fa, mentre gli avversari hanno affrontato già il playoff contro Babele: "Forse dopo quasi tre settimane di stop, anche se ci siamo allenati insieme e individualmente, può venire meno la concentrazione che avevamo in campionato per raggiungere l'obiettivo salvezza, perciò sappiamo che dobbiamo entrare in campo nel modo giusto. Un altro fattore importante può essere quello del clima, soprattutto con una temperatura di almeno 10 gradi superiore a quella a cui eravamo abituati finora", ha fatto notare.

In ogni caso, per i ragazzi di mister Palumbo, quello contro la British non sarà l'ultimo impegno stagionale, data l'iscrizione al Torneo Ponte Girevole che sarà un'occasione per aggregare nuovi ragazzi all'interno del gruppo Virtus.
"Alla fine bisogna pensare a fare squadra e fare esperienza", ha ricordato Caputo prima di chiudere confermando la sua opinione sui 5 mesi trascorsi in rossoblù: "Sono positivi perché nonostante diversi alti e bassi siamo riusciti comunque a rimanere in Serie A e siamo pronti a giocarci l'accesso in finale di Coppa Italia, quindi non male assolutamente".



Scroll to Top