ECCELLENZA

Gara allo ''Iacovone'', multate Barletta e Martina

Il giudice sportivo si è espresso dopo lo spareggio giocato a Taranto

Per i fatti avvenuti allo stadio "Iacovone" nello spareggio giocato domenica scorsa, il Barletta ha ricevuto dal giudice sportivo 900 euro di multa, mentre il Martina 500 euro.

Ecco le motivazioni integrali pubblicate nel comunicato ufficiale:

€ 900,00 BARLETTA 1922
Propri sostenitori durante la gara accendevano 13 fumogeni (3a RECIDIVA) e provocavano l'esplosione di sei petardi di grossa entità nel proprio settore (2a RECIDIVA). Per tutto il 1º tempo e fino al 9' del 2º tempo i medesimi sostenitori esponevano uno striscione offensivo nei confronti della città di Taranto. Al 20' del 1º primo tempo, inoltre, alcuni sostenitori si introducevano in un corridoio che collega la tribuna stampa alla scala di accesso agli spogliatoi, sfondavano la porta sino ad arrivare alla porta d'ingresso degli spogliatoi; qui vi rompevano i pannelli in ferro e la serratura di detta porta, ma venivano poi allontanati dall'intervento degli steward e del magazziniere della società avversaria. Infine, danneggiavano parte dei seggiolini posizionati nel proprio settore (manda al Comitato Regionale per quanto di sua competenza in ordine ai danni all'impianto - vedi referti Commissari di campo).

€ 500,00 MARTINA CALCIO 1947
Propri sostenitori durante la gara accendevano 15 fumogeni e provocavano l'esplosione di due petardi di grossa entità nel proprio settore; inoltre lanciavano in campo 2 fumogeni bruciavano una parte del manto erboso in prossimità del centrocampo (1a RECIDIVA) ed una bottiglietta piena d'acqua senza conseguenze (1a RECIDIVA). Infine danneggiavano alcuni seggiolini nel proprio settore di competenza. Manda al Comitato Regionale per quanto di propria competenza in ordine ai danni all'impianto (vedi referti Commissari di campo).


Scroll to Top