SERIE D GIRONE H

Sarà il Brindisi a riaprire le danze in D

Dalla rassegna stampa di oggi
RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da Quotidiano di Puglia

Il Brindisi va di corsa. Sarà la prima squadra del girone H di Serie D a tornare in campo: mercoledì si gioca contro l'Audace Cerignola, alle 14.30, al Fanuzzi. Aperta la prevendita: 8 euro per un biglietto di curva, 10 per la gradinata e per il settore ospiti, 12 per la tribuna centrale. Obbligatorio, ovviamente, il super green pass, così come la mascherina Ffp2, come prescrivono le misure ministeriali. Restano validi, ovviamente, gli abbonamenti.

Il Brindisi continua a lavorare sul terreno del campo B del Fanuzzi. Di Costanzo prepara una partita che per i biancazzurri può significare tantissimo: vincere nel recupero contro l'Audace avvicinerebbe la zona playout a 3 punti, con una gara da giocare, alla ripresa, contro la Virtus Matino. Lavorano tutti, però, non solo il Brindisi, che sarà la prima a scendere in campo. A Matino Toma sta trovando il modo migliore per integrare Dominique Malonga, che in Serie D non ha mai giocato in carriera e che dovrà dare un valore aggiunto per la salvezza. Il patto per arrivare quantomeno ai playout, passa dai gol di un calciatore che in carriera ha giocato in A sia con il Torino che con il Cesena.

Toma ha già dato una svolta dal punto di vista del dinamismo offensivo, adesso però deve arrivare anche sul piano dei risultati. Non è escluso che il club della presidentessa Costantino, non possa investire per cercare un altro colpo ad effetto. La squadra ne è uscita comunque notevolmente rivoluzionata, anche un po' più adatta, probabilmente, al 4-2-4 di mister Toma. Si lavora, con una situazione migliore dal punto di vista del Covid, anche a Nardò, o meglio al centro sportivo di Lequile: non c'è Fiorentino (leggero acciacco) e c'è un altro calciatore assente perché positivo al Covid. I tamponi hanno dato esito negativo, invece, per tutti gli altri calciatori che vi si erano sottoposti due giorni fa. Allenamenti e sedute quotidiane anche a Casarano, in attesa delle ripresa del campionato e con la voglia di risalire in fretta la classifica.

Infine, una buona notizia. Domenica 23 gennaio, in occasione della gara interna con il Gravina (ultima di andata), il Fasano tornerà a giocare allo stadio Vito Curlo. Completati i lavori di sostituzione del manto erboso naturale con quello sintetico ed altri interventi alle infrastrutture dell'impianto di via Nazionale dei Trulli.


Scroll to Top