SERIE A ASI

VCT, Nardone: ''L'esperienza ha fatto la differenza''

Il difensore dei delfini sulla vittoria contro il Real Lizzano: ''Abbiamo avuto un calo di tensione, dobbiamo migliorare in questo''

Il momento sliding doors di Virtus Calcio Taranto-Real Lizzano è stato a inizio secondo tempo, sul risultato di 2-2 e in una fase di attacco degli ospiti allo Iacovone B: Di Ronzo arriva sul fondo della fascia destra e mette in mezzo un cross basso arretrato verso Schinai, Nardone arriva sul pallone in scivolata anticipando l'attaccante giallorosso e da terra riesce a liberare l'area dei delfini. Dall'altra parte, un minuto dopo, stesso cross di Carrieri, errore nel controllo dei difensori lizzanesi e gol di Jallow: "Alla fine in queste circostanze è l'esperienza che fa la differenza - ha spiegato proprio Benedetto Nardone ai microfoni di MRB.it -. aver letto la direzione della palla mi ha permesso di anticipare l'avversario. In quell'intervento ho sentito anche un pizzico dietro la coscia, infatti dopo sono uscito e chi è subentrato al mio posto ha fatto bene".



Il difensore centrale ha analizzato la prestazione della Virtus che ha portato al terzo successo (4-2) nella Serie A del campionato ASI, soffermandosi sull'avversario e sul livello del torneo: "Non meritano l'attuale posizione di classifica, abbiamo visto che contro di noi hanno espresso un bel gioco e ci hanno recuperato due volte. Quest'anno la Serie A è molto insidiosa, non c'è una squadra che ammazza il campionato e affrontare la prima o l'ultima non è molto diverso. La nostra squadra è tutto sommato giovane e stiamo cercando di migliorare sotto l'aspetto dell'esperienza e sul gioco, cercando di evitare errori". Come i contropiedi sprecati: "Nell'azione dell'1-1 si è vista la classica legge del calcio. Gol sbagliato, gol subito. In quell'occasione ho consigliato a Jallow di giocare prima con la squadra e poi di cercare la giocata personale", ha ricordato il tarantino classe '77.



Lui era in campo anche quando i delfini hanno sconfitto Caffè del Regno, ma ci sono differenze sia nell'andamento delle partite in sé sia nel modo in cui sono state affrontate: "Caffè del Regno è un'ottima squadra in tutti i reparti, la migliore contro cui abbiamo giocato, senza nulla togliere al Real Lizzano. In quel caso abbiamo aumentato l'attenzione, invece sabato c'è stato un calo di tensione dovuto alla sottovalutazione", ha ammonito Nardone.
È un aspetto su cui i ragazzi di mister Palumbo devono migliorare per centrare serenamente l'obiettivo salvezza: "Sono errori che purtroppo facciamo sistematicamente e stiamo lavorando su questo. Concediamo campo agli avversari e finché regge la difesa è bene, sabato ci ha pensato Stante con due grandi interventi".
In settimana la prova sarà sul campo, con l'inizio della Coppa Italia: "Affronteremo anche squadre di serie inferiori, per cui queste partite ci serviranno proprio per migliorare in questi aspetti, a non prendere nessun avversario sottogamba e a non sbagliare in situazioni come quella del rigore di sabato", è l'auspicio finale di Nardone.


Scroll to Top