PRISMA TARANTO VOLLEY

Prisma Taranto, Sabbi: ''Dovremo essere bravi a cogliere qualsiasi occasione''

Intervista all'opposto della Prisma Taranto Giulio Sabbi

Giulio Sabbi, trentaduenne opposto della Prisma Taranto. Ha alle spalle svariate stagioni in Superlega e diverse esperienze all’estero, nel 2015 vince una medaglia di bronzo agli Europei. La scorsa stagione ha militato tra le fila della Top Volley Cisterna, dalla prossima stagione andrà ad impreziosire il roster ionico. 

Giulio cosa ti ha spinto a scegliere Taranto?
“Venire in Puglia e quindi a Taranto è stata una scelta facilitata dalla presenza di mister Di Pinto con il quale ci conosciamo da tanto tempo. Con lui ci sono i giusti presupposti per fare bene, mi ha cercato tanto e lui sa lavorare con i giusti metodi sia con i giovani che con i giocatori un po' più esperti. Sono contento di tornare a lavorare con lui, di tornare in Puglia e di giocare in una squadra composta da molti giocatori con i quali ho già giocato, questo è già un passo avanti".

La preparazione atletica ormai è ben avviata anche se ancora non sono presenti tutti i tuoi nuovi compagni di squadra. Secondo te che Prisma sta nascendo?
“Stiamo lavorando a ranghi ridotti perché alcuni compagni sono impegnati con le competizioni internazionali ma ci stiamo impegnando tantissimo e, proprio perché siamo in numero inferiore, probabilmente lavoriamo anche di più rispetto ad una settimana tipo nella quale sono presenti tutti. Sarà un campionato difficile e ogni partita riserverà sorprese, noi dobbiamo essere bravi a cogliere qualsiasi occasione che si presenterà e a sfruttarle al meglio. Il nostro obiettivo è risaputo e non lo perderemo di vista ma oltre questo puntiamo a toglierci anche qualche soddisfazione. Sta nascendo davvero un bel gruppo molto unito e che ha tanta voglia di fare bene”.

Quale obiettivo personale ti poni per la prossima stagione?
“Voglio tornare ad essere Giulio Sabbi, quello che non sono riuscito a fare e ad essere lo scorso anno a causa di un infortunio gestito male. Adesso sto bene e quando uno lavora bene può solo migliorare tecnicamente. I presupposti ci sono tutti e non vedo l’ora di iniziare”.

Il tuo vice Tommaso Stefani sta per disputare i campionati del mondo con la Nazionale Under 21. Lui si è detto orgoglioso di potersi allenare con te e apprendere il più possibile. Che consiglio ti senti di dargli in vista di questa importante competizione?
“Tommaso è un giocatore giovane e ha dalla sua parte il tempo e il fisico. Il consiglio è quello di lavorare sempre senza mai risparmiarsi e di fissarsi degli obiettivi che solo con il lavoro si possono raggiungere. Lui è giovane ma ha delle grandi doti, sarà preziosissimo per la Prisma".

Tra le squadre che lotteranno con la Prisma per mantenere la categoria c’è una che ti impensierisce particolarmente?
“Sono tutte squadre che lotteranno fino all’ultima palla, magari qualcuna ha qualcosa in più; sarà il campo a dare il giusto valore alle squadre. Per esperienza personale, come avvenuto lo scorso anno, la squadra sulla carta era molto buona ma la stagione è stata deludente. Preferisco far parlare il campo e non fare pronostici”.

Primo test amichevole oggi per la Prisma, al Palamazzola arriva Lagonegro, compagine di Serie A2. Venerdì i ragazzi di mister Di Pinto saranno ospiti della New Mater Castellana degli ex Alessio Fiore e Luca Presta.


Scroll to Top