TARANTO FC

Quotidiano di Puglia: Taranto, due parigrado sulla strada della salvezza

Dalla rassegna stampa di oggi
   Quotidiano di Puglia

09 Dicembre 2022 - 09:00
RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da Quotidiano di Puglia

È forse la settimana più serena per il Taranto di questo campionato. I quattro punti conquistati con le big Crotone e Pescara, culminate con il primo successo in trasferta all'Adriatico, segnano un punto di arrivo del lavoro svolto da Capuano e della compattezza di un gruppo passato attraverso mille traversie, dentro una contingenza soffocante (infortuni), episodi sfavorevoli (direzioni arbitrali avverse) e mancanze proprie, perché alcuni punti sono stati persi per errori autoctoni non solo per fattori esterni.

A due giornate dalla fine del girone di andata la formazione ionica ha 20 punti e potenzialmente può traghettare la fine del 2022 con un bottino più rotondo, la metà più o meno della quota salvezza. La classifica è cortissima: una lunghezza sotto i play-off, una sopra i play-out. Ma nessuno, ormai, alza l'asticella delle aspettative. Capuano ha avuto un altro merito, forse involontario: accentrare tutta la comunicazione attorno a ciò che lui dichiara. Il ds Evangelisti ha parlato finora solo all'atto della sua presentazione, il presidente si è lasciato andare ad asserzioni soltanto sulla questione stadio, ma tutto il resto passa dall'eloquio del trainer rossoblù. Che resta ancorato ad un punto inscalfibile: la salvezza. Non di schioda, giustamente, Capuano da questo totem comunicativo: è il mantenimento della categoria l'obiettivo ripetuto ad ogni occasione. «Il cammino è ancora lungo e difficile per la salvezza», ha ribadito come un mantra Capuano anche a Pescara, «ma questi ragazzi lavorano come pochi ed hanno dimostrato che giocare contro di loro è difficile per tutti».

In tre mesi, allora, ciò che è cambiato radicalmente è anche il piano delle ambizioni, passando dalle incaute dichiarazioni estive basate sui play-off pur nella costruzione di una rosa tecnicamente modesta, ad un più realistico modo di comunicare come pure di giocare. Ora i due scontri diretti con Monterosi dopodomani e Messina sette giorni dopo devono confermare progressi e stile mediatico. Poi sarà tempo di riposo e subito dopo di mercato. Perché il Taranto resta un cantiere aperto. La rescissione di De Maria, della scorsa settimana, ha liberato lo slot per Provenzano, tornato spendibile a centrocampo assieme a Brandi, senza dimenticare che domenica torna disponibile dopo la squalifica Antonio Romano. Difficile immaginare il rientro anche di Diaby, ma se non altro le opzioni in mediana adesso sono più variegate.

Con Panattoni e Raicevic fuori per lungo tempo ed Infantino forse avviato al taglio, il mercato di gennaio appare chiaro in alcune priorità: corsia sinistra per dare fiato all'onnipresente Ferrara e attacco da rimpolpare e migliorare saranno ruoli da coprire con la massima urgenza. Poi si interverrà per ottimizzare il resto del gruppo, senza escludere tagli. Ma non è ancora tempo per ragionare sulle future trattative. Il campo chiama ad ulteriori punti da raccogliere e soddisfazioni da togliersi. E così il Taranto prova a ricucire con i tifosi, praticando prezzi popolari con il chiaro intento di interrompere la diserzione che ha tolto sostegno (negli incontri casalinghi) e ossigeno economico al botteghino. Ed allora il motivo di interesse principale del match con il Monterosi sarà proprio la risposta del pubblico, oppure le riconferma di una rottura ormai insanabile.

Fonte: Quotidiano di Puglia



Scroll to Top