SERIE C GIRONE C

Virtus Francavilla, voglia di riscatto

Dalla rassegna stampa di oggi

foto Francesco Miglietta

   Quotidiano di Puglia

15 Novembre 2022 - 13:00
RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da Quotidiano di Puglia

Il brutto momento che sta attraversando la Virtus Francavilla in quest'ultimo scorcio di campionato, con solo tre pareggi nelle ultime sette partite disputate e con la zona play out che incombe velocemente, non è l'unico vissuto dalla squadra di patron Magrì nei suoi campionati di Lega Pro. Nel 2018, con la gestione Zavettieri, la Virtus collezionò sette sconfitte su sette partite tra settembre e novembre, con l'ultimo ko per 5 a 0 contro la Vibonese. Nel 2021, sotto la gestione Trocini, nove gare senza successi, con appena tre punti per altrettanti pareggi. Nella scorsa stagione, con la gestione Taurino, ben undici gare senza successi, da febbraio a maggio, con soli cinque punti in cascina per altrettanti pareggi.

Praticamente, è nel dna del club di via Quinto Ennio vivere questi periodi di scarso entusiasmo e risultati, per la verità non troppo lunghi, che hanno all'origine varie e differenti motivazioni. Entrando nel dettaglio di questa stagione, è da tempo che la squadra palesa molte disattenzioni soprattutto difensive. E ciò che lascia perplessi è che neanche la vecchia guardia, cioè coloro che sono a Francavilla da più anni, sono riusciti a tamponare, gettando nello sconforto lo staff tecnico e tifosi.

Lo stesso Calabro, che ha ancora tanta voglia di far bene, sta riscontrando notevoli difficoltà a comprendere i reali motivi di tale andamento. Certamente, qualche giocatore appare non adatto alla filosofia di gioco del tecnico di Melendugno, oppure che il credo calcistico dello stesso Calabro, più specificatamente, non è ancora ben metabolizzato dagli interpreti sul campo. Un momento che sta incidendo molto sul morale del gruppo, davvero sotto i tacchi nello spogliatoio di Castellammare di Stabia, dopo il ko contro la Juve Stabia, e sulla tenuta nervosa, causa anche del fallo di espulsione da ultimo uomo di Maiorino su un giocatore campano. Da capire, tra l'altro, lo schieramento tattico della Virtus in quel frangente, con Maiorino, che è un attaccante, lasciato praticamente solo a presiedere il settore difensivo.

Con questo stato d'animo, il Francavilla di Calabro si appresta a preparare il difficilissimo derby di domenica prossima, in casa, contro il Taranto. Due squadre che hanno avuto finora due percorsi distinti, con gli jonici partiti molto lenti in avvio di stagione e che nell'ultimo periodo sono riusciti a trovare il bandolo della matassa e al via maestra per risalire in classifica. Di contro, la Virtus Francavilla si è vista protagonista di un percorso inverso, con un inizio accettabile ma con questa fase centrale del girone di andata molto deludente. Domenica, contro i rossoblu, Calabro dovrà trovare la formazione ideale per riuscire a superare gli avversari, sapendo che mancherà Maiorino per squalifica e che ci sono da monitorare in questi giorni le condizioni fisiche di Tchetchoua, Ekuban e Perez. C'è il rischio infatti che Calabro si trovi praticamente senza il suo reparto offensivo al meglio.

Fonte: Quotidiano di Puglia



Scroll to Top