NUOTO

Nuoto, Benedetta Pilato: ''Devo fare meglio. Vietato rilassarsi''

La nuotatrice tarantina si proietta sui prossimi appuntamenti
   La Gazzetta del Mezzogiorno

12 Novembre 2022 - 09:30
RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da La Gazzetta del Mezzogiorno

Il biglietto per Melbourne lo aveva già in tasca grazie al titolo mondiale di Budapest e a quello europeo di Roma ma, quasi a rafforzare il concetto che la più forte è sempre lei, ha nuotato sotto al tempo limite pure ai campionati italiani Assoluti. Perché può accorciarsi la vasca, ma non la potenza del suo talento. Non importa che si nuoti in lunga o in corta, la più brava è sempre Benedetta Pilato.

La 17enne tarantina allenata da Vito D’Onghia domina i 100 rana nella prima giornata dei tricolori a Riccione prendendosi l’oro in 1’04’’66 che è meno del tempo necessario per i Mondiali australiani di metà dicembre (1.04.69). Eppure non è contenta del crono: «Ero già qualificata e non era quello l’obiettivo - dice l’atleta di Fiamme Oro e Aniene in zona mista subito dopo la gara - l’obiettivo era nuotare un buon tempo, mi va bene, però vorrei fare di meno tra un po’».

È ancora presto per fare un primo punto della situazione sulla condizione: «Come mi sento? Fino ad ora insomma, comunque due mesi di allenamento non bastano, in questi ultimi due giorni sto un po’ meglio perché abbiamo fatto meno per le gare, ma è difficile riprendere». Va già meglio però rispetto all’inizio del mese, quando ha gareggiato a Potenza: «Non si può fare un paragone perché ovviamente era una situazione completamente diversa». Vietato distrarsi anche quest’anno: «Più rilassata? In realtà no, perché secondo me non c’è un anno di transizione, quest’anno abbiamo appuntamenti importanti (su tutti i Mondiali di Fukuoka in vasca lunga a luglio, ndr) e io voglio andare forte in tutti». E a giugno poi ci sono Esami di Stato e il direttore tecnico della Nazionale Cesare Butini ha dichiarato che compito di tutti sarà accompagnarla nel migliore dei modi alla maturità: «È un anno importante è vero - ammette Pilato - fortunatamente però combacia con la stagione in cui abbiamo competizioni e mi sono sempre organizzata bene. Sono tranquilla». Su Melbourne non si sbilancia: «Cosa mi aspetto? Non lo so, vedremo».

Sperava di salire sull’aereo per l’Australia Marco De Tullio, ma il 22enne barese dell’Aniene resta a terra. L’allievo di Christian Minotti ha chiuso secondo nei suoi 400 stile con 3.39.89, un crono che non è sufficiente per andare in Australia (il tempo limite è fissato a 3.38.59). Un po’ di delusione c’è: «Non avevo alcuna aspettativa - dice - ho avuto un inizio difficile, mi alleno davvero da un mese, sono arrivato qui senza pretese e per capire quanto fatto finora. Il crono non è malissimo, ma non è il tempo limite per il mondiale, mi dispiace, ma ho dato tutto. Punto più sulla seconda parte di stagione».

Niente Australia per Elena Di Liddo. La 29enne biscegliese di Carabinieri e Aniene, è seconda nei 100 farfalla (è primatista italiana) con un crono oltre il tempo limite. L’allieva di Raffaele Girardi è argento pure nei 50 dorso. Grande gioia per Simone Stefanì. Il 22enne salentino di Fiamme Oro e Time Limit conferma quanto di buono fatto vedere agli Europei conquistando il bronzo nei 50 e nei 100 farfalla. Ottima Chiara Tarantino nei 50 stile: per la 18enne salentina delle Fiamme Gialle allenata da Mauro Borgia c’è il 2° con 24.38, quarta prestazione all time in Italia. Argento pure per Luca De Tullio. Il 20enne barese di Fiamme Oro e Aniene è secondo nei 1500 stile. Sorride Federica Toma, la 20enne allenata da Gianni Zippo e tesserata per i Carabinieri, argento nei 200 dorso. Ma la perla di giornata arriva a fine pomeriggio con Isabella Sinisi: con grande cuore e determinazione conquista un bellissimo secondo posto negli 800 stile. Tanta gioia per la 28enne andriese dell’Aniene che uscita dall’acqua prende in braccio l’amica-rivale Simona Quadarella, vincitrice (senza storia) della gara. Insomma con un oro, sette argenti e due bronzi è già una Puglia da 10 e lode.

Fonte: LaGazzettaDelMezzogiorno.it



Scroll to Top