SERIE C GIRONE C

Virtus Francavilla, Miceli: ''Il Francavilla ha voglia di risalire''

Dalla rassegna stampa di oggi

Foto Luca Barone

   Quotidiano di Puglia

09 Novembre 2022 - 11:30
RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da Quotidiano di Puglia

Passando in rassegna la formazione titolare della Virtus Francavilla che ha affrontato domenica scorsa il Cerignola si evince che ben sette erano titolari già presenti nella formazione-tipo della passata stagione e solo quattro sono stati gli innesti nel mercato estivo di quest'anno (Avella, Cisco, Risolo, Murilo). Per questo restano ancora e sempre più ignote le motivazioni per le quali la squadra di Calabro non riesca ad esprimersi al meglio e soprattutto non riesce ad organizzare una appropriata fase difensiva a largo raggio, partendo proprio dalla metà campo avversaria. Ma anche in attacco le cose non vanno meglio. Contro il Cerignola solo due tiri hanno visto la porta. Gli altri, pochi per l verità, fuori mira.

I nuovi innesti, peraltro, hanno dato, sia pur in momenti e in modi diversi, un importante valore aggiunto alle qualità generali della rosa, al punto che Murilo e Avella spesso sono risultati i migliori in campo in questa parte iniziale del campionato. E domenica scorsa Cisco, almeno per la fase offensiva, è stato il top player del match in riferimento alla squadra biancazzurra. Forse ci si aspettava di più da qualcuno che sta giocando poco, ma tant'è; tra l'altro, non c'è più tempo per recriminare. Semmai si potrà correggere qualcosa nel mercato di gennaio. Ma, uno dei giocatori più esperti, Mirko Miceli, non dispera e dà la carica ai suoi compagni per risalire la classifica, pur se ammette con sincerità che si sta commettendo qualche errore sia individualmente che di squadra.

Tra voi giocatori vi state confrontando su questo momento particolare? Come la state vivendo questa fase?
«Si, ci confrontiamo fin troppo anche. Stiamo vivendo questa fase con sofferenza, come è normale che sia, perché è ovvio che non siamo felici del momento che stiamo passando».

Il fatto di subire troppi gol dipende anche da qualche fattore psicologico? C'é timore di sbagliare?
«Purtroppo subiamo troppi gol non per timore o altro del genere, ma perché stiamo venendo meno sia singolarmente che collettivamente».

Su che cosa state lavorando di specifico negli allenamenti per evitare alcuni errori?
«Lavoriamo sempre in maniera specifica sia quando perdiamo che quando vinciamo, dunque dobbiamo continuare a farlo con maggiore cattiveria e concentrazione perché non sta bastando».

La classifica dal quarto posto in giù e molto corta. Dove pensi possa arrivare la Virtus al giro di boa?
«Sinceramente in questo momento non sto guardando quelle sopra di noi bensì quelle sotto, dunque dobbiamo per forza tirarci fuori da questa situazione brutta».

Domenica c'é la Juve Stabia. Quale potrà essere secondo te la chiave di lettura per provare a vincere il match?
«Dobbiamo giocare come una squadra che deve salvarsi e che fare punti è di vitale importanza».

Cosa si sente di dire ai tifosi?
«Io direi ai tifosi di starci vicino ancora di più di come stanno facendo e credo che le critiche giuste che stiamo ricevendo servano per farci tirare fuori l'orgoglio e quindi trasformarle in applausi».

Domenica, intanto, per il match esterno contro la Juve stabia, rientrano Solcia e Pierno, assenti domenica scorsa rispettivamente per infortunio e squalifica, mentre sarà assente l'infortunato Murilo, alle prese con gli esami strumentali per quantificare l'entita' del problema al ginocchio. Per sostituirlo, Calabro potrebbe dare spazio a Mastropietro o all'attaccante Perez per provare a stringere l'avversario campano nella propria metà campo. Ma non sono escluse altre sorprese.

Fonte: Quotidiano di Puglia



Scroll to Top