TARANTO FC

L'Edicola del Sud: Taranto, con i rossoneri sarà un derby tra deluse

Dalla rassegna stampa di oggi

foto Luca Barone

RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da L'Edicola del Sud

Mancano due giorni all'impatto. Il derby del Taranto con il Foggia è vicinissimo e le conseguenze di un atterraggio scomodo potrebbero essere complesse da riparare. La differenza, in campo come fuori, è fatta dai dettagli, per cui perdere potrebbe risultare devastante sia in un senso che nell'altro. Le squadre giungono all'appuntamento con una pesante batosta da digerire (3-0 dei rossoblu per mano della Glebison, 4-0 i rossoneri dal Pescara), ma più in generale sono in condizioni pessime sotto un profilo psicologico. Un buon motivo per chiedere l'una all'altra di mettersi da parte, perché i tre punti in palio allo Iacovone questo sabato avranno lo stesso valore dell'acqua nel deserto tra una duna e la successiva. Potrebbe anche prevalere la paura di non perdere, in quel caso un risultato di parità potrebbe essere il pertugio migliore per respirare una piccola boccata di ossigeno. Se il Foggia potrebbe avere in panchina un nuovo tecnico al posto di Roberto Boscaglia, il Taranto potrebbe presentarsi con uno o due nuovi elementi in campo. Il primo dovrebbe essere il centrocampista Chapi Romano, mentre il secondo risponderebbe al nome di Filip Raicevic, centravanti montenegrino nato nel 1993 e che già in Puglia ha trascorso qualche mese per avere fatto parte del Bari nella stagione 2017/18. Vicenza (2015-16), Pro Vercelli (2017-18), Ternana (2018-19) e Livorno (2020-21) le altre esperienze, mentre l'ultima società ad accoglierlo è stato il Piacenza (2021-22) in cui ha disputato diciannove partite con un gol all'attivo.

Se in classifica il Taranto è mestamente nella parte bassa della colonna di destra, per quanto riguarda le ammende la situazione è diametralmente opposta perché viaggia a gonfie vele in vetta con 7000 euro di multa. Alla cifra tonda si arriva con le 500 euro inflitte ieri dal giudice sportivo per cori oltraggiosi nei confronti delle forze dell'ordine. Nessuno, nel girone C, come il club rossoblu che per ciascun turno di campionato è stato in media punito con 1400 euro. Un danno non di poco conto, a cui questa volta si aggiunge una variante, ovvero la «segnalazione di un rappresentante della Procura federale circa espressioni blasfeme da parte di un tesserato percepita a breve distanza» e «per il quale si chiede si chiede di conoscere l'esatta collocazione del suddetto tesserato della società».

Fonte: L'Edicola del Sud - Giuseppe Di Cera



Scroll to Top