TARANTO FC

Taranto, ds Dionisio al lavoro: si cercano almeno altri quattro elementi

Dalla rassegna stampa di oggi

foto MRB.it

RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da L'Edicola del Sud

Non c'è rosa senza spine e allora se nel fiore identificassimo la serie C di spine ne troveremmo tantissime. Il Taranto ha appena conosciuto il suo girone, che subito deve prenderlo in considerazione con le dovute cautele, perché potrebbe subire delle modifiche dovute alla decisione del Consiglio di Stato di congelare l'esclusione del Campobasso dal campionato. I molisani hanno fatto ricorso è hanno per il momento vinto una battaglia, seppure importante, ma non la guerra, che rimane dall'esito incerto. Il calendario per il momento non s'ha da fare, anche perché se ne dovrebbe parlare ancora il 25 agosto. Se per quella data i lupi rossoblu dovessero vincere effettivamente il ricorso, allora la Lega Pro sarà costretta a modificare la composizione del girone C, che potrebbe vedere al suo interno ventuno e non più venti club. Si riposerebbe un turno, con buona pace di tutte le partecipanti. D'altra parte non è più possibile riformularli, visto il ripescaggio passato in giudicato di Fermana e Torres. A marchigiani e sardi la Serie C spetta di diritto e guai a chi gliela tocca, com'è ovvio che sia.

Al Taranto, la questione interessa relativamente, nel senso che gli obiettivi non cambierebbero e si andrebbe comunque a caccia dei playoff, come più volte indicato. Un concetto recentemente ribadito anche sulle nostre colonne dal direttore sportivo Nicola Dionisio. Quest'ultimo rimane in piena attività per cercare quegli elementi che possano rendere più solido il Taranto, soprattutto nella fase di ripiegamento, per cui un difensore e un centrocampista sarebbero le due figure messe nel mirino. Servirà anche un attaccante, ma per trovarlo o persuaderlo del buon progetto di terra ionica la società del presidente Massimo Giove potrebbe sfruttare un lasso temporale più vicino alla chiusura del mercato previsto per il primo settembre.

Dopo la prima squadra, intanto, anche la Primavera ha preso coscienza del raggruppamento in cui è stata inserita. La federazione, per la stagione 2022/23, ha rivisto le proprie posizioni e ha posto fine alla formazione di mini giorni da sei o sette compagini, così come avvenuto nello scorso campionato. Adesso i gironi di Primavera 4 sono due e ben più corposi. Nel B ci sarà il Taranto di Graziano Gori (un anno fa girone D a sette squadre) assieme ad altre dodici contendenti: Messina, Ancona, Aquila Montevarchi, Audace Cerignola, Andria, Gelbison, Giugliano, Monterosi, Picerno, Recanatese, San Donato Tavernelle e Siena. Saranno due i derby che attendono i rossoblu, con Andria e Cerignola. L'obiettivo è arrivare a disputare i playoff, traguardo mancato nella scorsa annata. Inizio il 24 settembre chiusura 15 aprile 2023.

Fonte: L'Edicola del Sud - Giuseppe Di Cera



Scroll to Top