SERIE C

Virtus Francavilla, Delvino verso il Giugliano. Piace Arrigoni

Dalla rassegna stampa di oggi

Foto Luca Barone

RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da Quotidiano di Puglia

Dopo tre anni trascorsi con la casacca biancazzurra in serie C, Fabio Delvino potrebbe lasciare la Virtus Francavilla. Il difensore centrale di 24 anni, nativo di Bari, che nella squadra di patron Magrì è stato utilizzato più come laterale destro, in sostituzione di Idda, è sotto i riflettori del Giugliano, squadra neo promossa in Lega Pro. E tutto lascia prevedere che la trattativa possa concludersi positivamente, anche perché la Virtus ha già tesserato Daniele Solcia, pari ruolo, ma di tre anni più giovane. Delvino con la Virtus ha giocato 70 partite nell'ultimo triennio e ha realizzato proprio nell'ultima stagione l'unico gol con la maglia degli Imperiali ai danni del Catania. La gara finì poi in parità e dopo qualche mese fu annullata per il fallimento degli etnei.

Con questa eventuale operazione, si conferma l'idea che Calabro vuole cambiare parecchio la formazione degli ultimi anni, in riferimento soprattutto agli under. Ma non solo. A centrocampo si fa strada sempre più l'ipotesi di sostituire sia Franco che Toscano con due over di grande esperienza, tra cui in pole position resta Arrigoni, esperto centrale che bene ha fatto negli ultimi anni a Teramo. Ma nel mirino c'è anche un cavallo di ritorno, quell'Andrea Risolo, ora al Catanzaro, che proprio con Calabro in panchina, nel 2015-2016, contribuì alla scalata della Virtus dalla serie D alla serie C. Risolo ha poi indossato nuovamente la maglia biancazzurra nel 2020, l'anno della pandemia da Covid 19, ma senza raggiungere grandissimi risultati.

Come si vede, staff tecnico e staff dirigenziale stanno mettendo mano in maniera corposa, in prima battuta, a difesa e centrocampo. Soprattutto la linea centrale potrebbe subire tagli importanti. Sono infatti andati già via Prezioso e Ingrosso. Anche Pierno, per fine prestito, potrebbe lasciare Francavilla, così come appunto Toscano e Franco, ma anche con Carella. Restano per ora inamovibili Tchetchoua, Mastropietro Enyan e Maiorino. Per l'attacco c'è da aggiungere ancora qualche pedina. Per ora, il reparto offensivo è costituito infatti solo da Patierno, Ekuban, Perez e dal giovane Dacosta, considerando però Maiorino e Mastropietro trequartisti. In sostanza, mancherebbero in totale una cinquina di nuovi innesti per completare i vari reparti e per darea Calabro più alternative.

Fonte: Quotidiano di Puglia



Scroll to Top