TARANTO FC

Il Taranto e il nuovo ciclo: tanti i nodi da sciogliere

Dalla rassegna stampa di oggi

Foto Luca Barone

RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da Quotidiano di Puglia

Il Taranto ha deciso di cambiare ciclo, dopo una promozione ed una salvezza, obiettivi prima dichiarati e poi centrati, cosa che non capita assai di frequente. E come accade in questi casi molti protagonisti del progetto andato a conclusione, cambieranno aria e, come sempre di capire, potranno riposizionarsi in maniera ottimale. Il portiere Chiorra, croce e delizia dei tifosi (abilissimo tra i pali, meno sulle punizioni avversarie e nelle uscite) è tornato per fine prestito all'Empoli, che lo girerà in prestito ancora in C (ci sono diverse pretendenti). Discorso analogo per il difensore Riccardi, pupillo di Laterza che lo ha utilizzato spesso fuori ruolo sulla destra. La Triestina è la proprietaria del cartellino, ma date le difficoltà dei friulani si troverà da solo una nuova sistemazione (il Catanzaro ne vorrebbe il ritorno). L'altro centrale, Benassai, è ad un passo dal Feralpi Salò. Poi c'è il jolly laterale Versienti, che a Taranto in un anno e mezzo ha trovato un pieno riscatto e soprattutto visibilità in C. Due le compagini che nei giorni scorsi si sono interessate a lui: prima il Catanzaro, poi il Monopoli, dove ritroverebbe mister Laterza, suo grande estimatore. Torna al Perugia, sua casa di appartenenza, l'esterno offensivo Manneh, oggetto misterioso degli ultimi sei mesi di campionato, mentre rimasto svincolato Davide Di Gennaro, con un futuro prossimo tutto da scrivere.

Fin qui quegli elementi andati in scadenza di contratto o tornati alla base dopo il prestito. Sul fronte offensivo ha salutato pure Falcone, uno di quelli su cui il ciclo Laterza-Montervino era stato incardinato e con un ingaggio fino al 2023. Il laterale, nativo di Mesagne, dovrebbe approdare al Brindisi in D. Nodi più intricati da sciogliere riguardano quei calciatori che sono impegnati con la società di Giove ma che non rientrano nei piani. Il più importante, forse, è Civilleri. Dopo il prolungamento firmato a gennaio addirittura fino al 2024, il cambio di guida tecnica ha cambiato le carte in tavola. Così per il centrocampista siciliano andrà trovata un'altra sistemazione. Lo scatenato Monopoli è una delle formazioni che ha chiesto informazioni.

Non sarà facile trattare la cessione di Mario Pacilli, che con la salvezza si era guadagnato il rinnovo automatico di contratto per un altro anno. Già nel mercato invernale il laterale si era opposto ad alcune alternative che l'allora ds Montervino gli aveva prospettato, situazione che aveva creato delle frizioni nemmeno troppo nascoste. Non sarà facile allora trovare una soluzione, tanto che potrebbe partire per il ritiro per convincere, magari, Di Costanzo a fornirgli un'altra chance (difficile). Andrà via il terzo portiere Loliva, così come torna al Sassuolo il baby Cannavaro. Insomma il Taranto cambierà quasi per trequarti della rosa. Se ne saprà di più martedì prossimo quando sarà presentato il tecnico Di Costanzo.

Fonte: Quotidiano di Puglia



Scroll to Top