TARANTO FC

Taranto, Dionisio: ''Squadra giovane e calciatori fisici''

Ecco i diktat del neo direttore sportivo rossoblù per la prossima stagione

Foto Luca Barone

Nicola Dionisio ha le idee chiare. Il Taranto della prossima stagione dovrà essere composto da giocatori giovani che abbiano fame di correre e lottare sino all'ultimo e da alcuni giocatori over che diano esperienza ed equilibrio allo spogliatoio rossoblù.

Il direttore sportivo traccia la strada da intraprendere intervenendo alla trasmissione "Dentro la rete". Ecco le sue dichiarazioni: ''Vogliamo una squadra giovane, composta da ragazzi che daranno l’anima fino all’ultimo secondo di ogni partita. Necessariamente, ci dovrà essere un gruppo di giocatori fisici e di carattere, che diano il massimo in ogni match. Questo è il nostro auspicio. Logicamente, quando si costruisce una squadra, bisogna tenere conto di ciò che si ha già in organico. Abbiamo quindici giocatori sotto contratto e dobbiamo fare i conti con alcuni di loro che, ahimè, non rientrano nei nostri programmi. Dobbiamo trovare per loro una collocazione per inserire nel nostro organico degli elementi più funzionali al nostro progetto''.

Un accenno importante Dionisio lo fa per la questione portiere che tiene banco da molti giorni in casa rossoblù. Ecco le sue parole: '' Il portiere over è la nostra priorità. Quando c’è stata la conferenza di presentazione, ho dato delle indicazioni sul mercato. Oltre al portiere over, arriverà anche qualche under. Il posto da titolare non ce l’ha nessuno: faremo un mix di calciatori esperti e giocatori giovani e funzionali, di prospettiva. Il portiere è un ruolo importantissimo e, in una piazza difficile come quella di Taranto, è agevolato per un discorso tecnico ed emotivo. Il campo poi ci dirà se le scelte fatte sono corrette o meno''.

Sul futuro della società e del modo di lavorare nel Taranto, Dionisio precisa: ''Nel calcio di oggi, è importante avere i conti a posto: ci vuole poco a fallire. Oggi, in Serie C, voli pindarici in pochi possono farli. Noi dobbiamo progettare un futuro migliore: per fare ciò, dobbiamo puntare sui giovani e sulla patrimonializzazione di alcuni elementi. Occorre programmare negli anni: si è chiuso un ciclo, ora dobbiamo aprirne un altro”.

In ultima analisi Dionisio parla delle voci su Caldore e sulla vicenda legata a Giovinco e Saraniti: ''Marco Caldore è un ragazzo che conosco molto bene ma vi confesso che non rientra nei nostri piani. Nell’ottica dei calciatori che abbiamo in organico, c’è Granata: un ottimo difensore centrale con piede sinistro. Vorremmo dargli fiducia e affiancargli un giovane importante con le sue stesse caratteristiche. Su Giovinco e Saraniti ricordiamo che hanno dei contratti da rispettare e nessuno dei loro procuratori ha chiamato. Andiamo avanti per la nostra strada e, comunque, sono due calciatori che rientrano nei nostri piani. Se ci saranno altre richieste solo il tempo ce lo dirà''.



Scroll to Top