VERSO FIDELIS ANDRIA-PAGANESE

Fidelis Andria, dentro o fuori. Di Leo: ''Possiamo farcela''

Dalla rassegna stampa di oggi
RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da L'Edicola del Sud

Dentro o fuori. Ancora serie C o il ritorno nell'inferno dei dilettanti. La Fidelis Andria oggi pomeriggio (17.30) si gioca tutto negli ultimi 90 minuti della gara di ritorno con la Paganese con l'obbligo di vincere dopo la sconfitta per 1 a 0 all'andata.

«Ci tocca giocare il secondo atto della lunga sfida con i campani senza avere molte alternative - osserva il tecnico della Fidelis Andria, Nicola Di Leo -. Dobbiamo ripartire dagli ultimi venti minuti della precedente sfida quando abbiamo messo in difficoltà i nostri avversari. Certo, ci sarà bisogno di un approccio diverso per arrivare al risultato tanto atteso. Per questo motivo abbiamo studiato qualche soluzione diversa per cercare di essere incisivi già dalle prime battute di un confronto che si annuncia molto intenso». Più che dall'aspetto tecnico l'allenatore dell'Andria è preoccupato dai risvolti psicologici di una partita senza vie di fuga. Finora, tutte le volte che si è ritrovata di fronte ad un bivio per dare una svolta alla sua stagione la Fidelis ha sempre imboccato la direzione sbagliata: «Un aspetto che sicuramente non abbiamo trascurato nel preparare questa partita – sottolinea Di Leo-. Molto spesso i nostri problemi sono stati più legati ad un atteggiamento mentale che fisico o tecnico. Stavolta dobbiamo scendere in campo senza condizionamenti sapendo che possiamo farcela a superare la Paganese e a cancellare le incertezze di un intero campionato».

Sicuramente ci saranno novità nella formazione di partenza con il sicuro recupero in mediana di Andrea Risolo, assente a Pagani per problemi fisici: “Si è allenato per tutta la settimana senza problemi e quindi lo possiamo dare per recuperato. In questo momento abbiamo bisogno di tutti per raggiungere il traguardo ed il suo rientro in mezzo al campo ci sarà sicuramente molto utile”.

Altre novità sono probabili anche in attacco dove potrebbe esserci una maglia da titolare per Tulli. In più la squadra biancazzurra potrà contare al "degli Ulivi" sull'apporto del suo dodicesimo in campo: la sua tifoseria. Ieri erano stati venduti quasi 3000 tagliandi ed è probabile che in mattinata ci sia un ulteriore impennata. Un dato considerevole se si pensa che si sta giocando una gara salvezza dopo una stagione piuttosto deludente: «Difficile trovare le parole per ringraziare i nostri tifosi che sono sempre stati al nostro fianco dal primo momento e ci hanno sostenuto anche negli ultimi delicati giorni. Sarebbe bellissimo ripagare i loro sacrifici con la permanenza in serie C».

Fonte: L'Edicola del Sud - Giuseppe Ernesto


Scroll to Top