SSD MASSAFRA

Il Massafra torna allo stadio Italia

Dalla rassegna stampa di oggi
   Redazione MRB.it

24 Marzo 2022 - 13:45
RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da L'Edicola del Sud

Un ritorno a casa è tra le gioie più belle che si possano vivere. Lo può dire forte il Massafra che, dopo due anni trascorsi a girovagare per i campi della provincia tarantina, potrà finalmente giocare allo Stadio Italia. L'amministrazione comunale ha appena concluso buona parte dei lavori propedeutici all'omologazione della struttura, persino per i campionati professionistici. Altri interventi non mancheranno, ma sono stati programmati per i prossimi mesi. Quelli portati a termine sono più che sufficienti per ottenere l'omologazione, dal terreno di gioco in erba sintetica di ultima generazione alla recinzione esterna e interna, dalla tribuna ospiti, sino all'abbattimento delle barriere architettoniche e alla messa in sicurezza, pulizia e bitumazione degli spazi comuni. All'appello manca alto, ma ci sarà tempo, magari a campionato di Eccellenza concluso, per rimettere in azione ingeneri e operai.

Dunque il Massafra, che dal febbraio 2020 al dicembre 2021 ha giocato al comunale di Statte e negli ultimi tre mesi al Giovanni De Bellis di Castellaneta, sfrutterà questo benvenuto asso nella manica nella partita del 3 aprile con il Ginosa per prendersi i tre punti che potrebbero voler dire salvezza diretta. Nel frattempo a calcare per prima l'erbetta sintetica sarà la Juniores giallorossa che sabato alle 15 si giocherà, nel l'ultima giornata di campionato, il primato del girone F con il Talsano. «Giocare lontano da Massafra per tutto questo tempo non è stato facile, soprattutto per i ragazzi che si sono allenati sul campo B in condizioni più che precarie. Perciò poter contare su una struttura tutta nostra è il massimo che in questo momento potesse capitare». Queste le parole di Enzo Pulpito, direttore sportivo del Massafra. «Inaugureremo le nostre partite interne con il Ginosa e sarà tutta un'altra storia. Un conto – riprende Pulpito – è giocare a Castellaneta e un altro a Massafra. Colgo l'occasione, però, di ringraziare tanto la società del Castellaneta e il Comune di Castellaneta per averci cortesemente ospitato in questo periodo».

Il Castellaneta, come un cerchio che si chiude, sarà proprio il prossimo avversario, da affrontare senza gli squalificati Vapore e Venza. «Abbiamo cinquanta per cento di chance di salvezza diretta: con sei punti credo ci si possa ritenere salvi e poi dobbiamo vedere. Tutto dipenderà da noi».

Fonte: L'Edicola del Sud - Giuseppe Di Cera



Scroll to Top