TARANTO FC

Taranto, salutano Longo e Faiello

Dalla rassegna stampa di oggi
RASSEGNA STAMPA
Articolo tratto da Quotidiano di Puglia

Un martedì particolare in casa Taranto: nella tarda mattinata di ieri, infatti, il club rossoblù ha annunciato le rescissioni consensuali con Giuseppe Faiello e Lorenzo Longo. L'addio del primo, in linea di massima, era già atteso da qualche tempo: l'atleta classe '97, resosi comunque protagonista di un discreto precampionato, non rientrava più nei piani della società e staff tecnico e, insieme a Gianluca Mastromonaco, era anche finito fuori lista. Non avendo mai debuttato ufficialmente in rossoblù, perciò, l'ex Aversa sarà libero di accasarsi altrove e di esordire fin da subito con quella che sarà la sua nuova squadra (possibile destinazione un club campano di serie D).

Discorso diametralmente opposto, invece, per il secondo che, esattamente due mesi fa, sottoscrisse un contratto biennale con la compagine di Massimo Giove: per lui un ritiro precampionato fortemente condizionato da uno stop fisico, poi le due apparizioni sottotono nelle sfide contro Turris e Campobasso, infine il riacutizzarsi dell'infortunio al ginocchio che lo ha costretto a rimanere fuori nelle ultime uscite. Un addio inaspettato considerando che, soltanto qualche tempo fa, l'atleta classe '94 era considerato uno degli acquisti di spessore della campagna acquisti ionica, oltre che perno imprescindibile nel 4-3-3 di Laterza per via della sua versatilità tattica che gli consente di ricoprire il ruolo di mezzale o, eventualmente, quello di esterno di attacco. Secondo le voci che trapelano, però, sarebbe stato lo stesso Longo a chiedere la cessione, scelta probabilmente dovuta ad un mancato ambientamento nella città dei due mari. Per lui potrebbero riaprirsi le porte della serie D: forte, in particolare, sembrerebbe l'interesse del Cerignola. Al di là della sua destinazione, Longo potrebbe giocare solo dal 4 ottobre, vale a dire 30 giorni dopo rispetto all'ultima gara ufficiale disputata con la casacca del Taranto.

Gli addii di Faiello e Longo riducono l'organico del Taranto da 28 a 26 elementi: l'unico fuori lista, perciò, rimane Mastromonaco che, nonostante gli infortuni di Falcone e Guastamacchia (rientri previsti per novembre), non dovrebbe essere reintegrato.

Fonte: Quotidiano di Puglia


Scroll to Top