CJ BASKET TARANTO

Diciolla: ''Bilancio positivo. Ragazzi pronti per il debutto, è un bel gruppo''

Il preparatore dei rossoblu a due settimane dall'inizio del campionato

Sembra ieri ed invece è già passato un mese dal raduno che è coinciso con l'inizio della preparazione del CJ Basket Taranto. Quattro settimane di lavoro intenso con l'unico obiettivo di arrivare pronti alla palla a due della prima giornata di campionato, peraltro in anticipo, sabato 2 ottobre al Palafiom contro la Virtus Kleb Ragusa. A far lavorare duro Diomede e compagni ci pensa come oramai prassi da anni a questa parte Giuseppe Diciolla. Non può che essere lui, il preparatore del CJ Basket Taranto, a fare il punto della preparazione del roster rossoblu.

Giuseppe Diciolla, è passato un mese dall'inizio della preparazione. Bilancio?
Bilancio positivo, a livello fisico è avvenuta una vera trasformazione, li ho testati giovedì scorso e grazie al loro impegno i risultati per quanto riguarda la composizione corporea sono visibili sia a occhio nudo che dal responso dello strumento che uso per testarli. Le prestazioni fisiche stanno migliorando con i giusti ritmi, la preparazione sul parquet del Palafiom e sia nella sala attrezzi cominciano a dare i loro risultati. C'è tanto lavoro ancora ma i tempi sono quelli giusti.

La sconfitta in Supercoppa ha lasciato strascichi? Hai visto la squadra appannata?
La sconfitta ha lasciato sicuramente l'amaro in bocca a tutti, ma questo non li ci ha sicuramente demotivati anzi ci si fa un analisi di cosa aggiustare dove lavorare e si migliora. Loro sono consapevoli di quello che è successo in campo e che accelerare solo alla fine non serve. Bisogna essere concentrati e pronti dal 1' secondo fino al suono dell'ultima sirena.

Che pensi di questo roster rinnovato?
È un bel gruppo. Molto attento a quello che diciamo e anche pronto a parlare e confrontarsi. Molto professionale nonostante la maggior parte sono giovani. Ieri durante la seconda chiacchierata di gruppo fatta con loro ho capito che cresceranno tanto e insieme ma questo ovviamente dipende esclusivamente da loro.

Oramai sei un veterano del CJ Taranto. Qual è il senso di appartenenza a questa franchigia?
Si sono tanti anni che sono in questa grande famiglia, e abbiamo riso e pianto tante volte insieme. Ho sposato i loro progetti e sono felice di farne parte. Il CJ non si piange mai addosso non si arrende mai e questo è il carattere dei vincenti. Quindi rispecchia molto il mio carattere e modo di pensare come ex atleta ieri e come preparatore atletico ora.


Scroll to Top