SERIE D

Fidelis Andria: C a un passo, ma prima la fideiussione

I biancazzurri potrebbero approdare tra i professionisti, anche grazie ad alcune rinunce e bocciature per diversi club

Luigi Panarelli, riconfermato alla guida della Fidelis Andria - Foto di Luca Barone

Giorni concitati per il campionato di calcio professionistico italiano.
La Lega Nazionale Dilettanti ha diramato nelle ultime ore la classifica di ripescaggio in serie C relativa alle squadre di serie D.

Questa la graduatoria delle squadre vincenti dei play-off di serie D:

  1. Aglianese 2,14
  2. FC Messina 2,11
  3. AZ Picerno 2,00
  4. Latina 1,91
  5. Castellanzese 1,86
  6. Arzignano 1,76 **
  7. Trastevere 1,76
  8. Pineto 1,69 (1,64 + 0.05 bonus punteggi)
  9. Nibionnoggiono 1,61
Questa invece la graduatoria delle squadre che hanno perso la finale play-off di serie D:
  1. S. Nicolò Notaresco 1,98 (1,88 + 0,10 bonus punteggi)
  2. Gelbison 1,94
  3. Lentigione 1,91
  4. Fanfulla 1,88
  5. Pont Donnaz Hone Arnad 1,84
  6. Fidelis Andria 1,79
  7. Savoia 1,67
  8. Sporting Trestina 1,64
  9. Union Clodiense 1,63
Alla luce di queste classifiche, il Consiglio federale della Figc, dopo le segnalazioni Covisoc, ha bocciato i ricorsi di sei club: oltre al Chievo Verona escluso dalla serie B (il Cosenza spera nella riammissione), in serie C sono stati respinti i ricorsi di Casertana, Novara, Carpi, Paganese e Sambenedettese. 

Cinque posti vuoti, ai quali si aggiunge quello del Gozzano che, vincitore del girone A di serie D, ha rinunciato al professionismo.
Per le società escluse, c’è ancora speranza: potranno ricorrere ancora al Collegio di Garanzia dello sport entro 48 ore.
Resta comunque perentorio il termine fissato a lunedì 19 luglio per le riammissioni e i ripescaggi per il completamento dell’organico in Serie B e in Lega Pro.

La prima ad usufruire del ripescaggio dovrebbe essere l’FC Messina, approfittando della rinuncia dell’Aglianese, poi a ruota tra le papabili figurano Latina, Fidelis Andria e Clodiense.

Si fa quindi concreta la possibilità per la squadra federiciana di approdare tra i professionisti dopo 3 anni nel campionato Dilettanti. Il presidente, Aldo Roselli, intanto ha delineato il quadro della situazione: "Si lavora per ottenere tutte le certificazioni che la lega richiede per presentare la domanda di ripescaggio, ovviamente la cosa più importante riguarda le due fideiussioni per le ripescate: la lega ne richiede una di 300mila euro e una di 350mila euro, noi abbiamo provato prima ad ottenere quella bancaria ma i tempi tecnici non ci consentivano di ottenerla nei tempi stabiliti e quindi a questo punto abbiamo optato per la fideiussione assicurativa".

"Personalmente - ha concluso Roselli - ho coperto tutto il fondo perduto (300mila euro, ndr), mentre Giuseppe Catapano si è preoccupato di coprire la tassa di iscrizione e lo ringrazio. Venerdì abbiamo un appuntamento per staccare gli assegni circolari a tal proposito, al momento l’ostacolo più grande riguarda proprio l’ottenimento della fideiussione assicurativa, per la quale ci sono le garanzie ma non i tempi tecnici che non sono brevi sia da parte delle assicurazioni che delle banche, stiamo spingendo con la società incaricata ma rimane l’incognita".

Fonte: batmagazine


Scroll to Top