NUOTO

Pilato-show agli Europei Juniores

Dalla rassegna stampa di oggi

Due volte sotto i 30 secondi: Benny show già al primo giorno degli Europei Juniores a Roma. Nel suggestivo teatro dello stadio del nuoto, definita «la piscina più bella del mondo» dalla stessa atleta su Instagram prima dell'inizio della manifestazione (ribadendo che poi si va a Tokyo per le Olimpiadi), è arrivato il record della competizione - tanto per cambiare - nelle batterie della mattina, nuotando in 2975. Nel pomeriggio le semifinali sono state quasi identiche, toccando la piastra il 2998. Inutile sottolineare come sia stato il tempo di qualificazione migliore e come Benedetta Pilato sia stata l'unica, nella specialità, a scendere sotto il muro dei 30 secondi. Il precedente record era suo, registrato a Kazan. Benedetta ha nuotato con lo stesso tempo che ai mondiali assoluti di Gwangiu, in Corea del Sud, le valse l'argento e l'inizio di una carriera sfolgorante sotto i riflettori di mezzo mondo.

Questa sera la 16enne tarantina si giocherà la medaglia d'oro nella finalissima prevista alle 19.08 (diretta in streaming, attraverso il sito della Federnuoto). Alle sue spalle Elena Bogomolova e Iuliia Beznosova, entrambe russe, che però hanno accumulato rispettivamente 51 e 95 di ritardo. Per quanto si è visto nel primo giorno non c'è stata competizione, la Pilato punta un oro che sembra soltanto aspettarla. Ha deciso di non fare i 100 metri rana nei prossimi giorni, per poter tornare a casa e preparare, anche psicologicamente, l'appuntamento più importante della sua carriera e probabilmente della sua vita, a Tokyo per le Olimpiadi. La partenza della spedizione azzurra, con Benedetta, è prevista per lunedì prossimo. Tornando però all'Eurojuniores (per la terza volta di disputa in Italia e andrà avanti fino all'11 luglio) da registrare che ieri nelle batterie del mattino è rimasta fuori la leccese Maria Letizia Piscopiello, che ha toccato la piastra in 32''57. Troppo poco per andare avanti, ma avrà tempo per riprovarci.

Fonte: Quotidiano di Puglia - Giuseppe Andriani


Scroll to Top