SERIE A

La Figc rimanda la Salernitana: la A è a rischio

Dalla rassegna stampa di oggi

La Federcalcio boccia la proposta di trust per la proprietà della Salernitana. Venerdì era stata presentata una proposta ufficiale da due società che sarebbero diventate proprietarie della Salernitana. Le due società che avrebbero costituito il trust, vedono a capo il figlio di Caludio Lotito, Enrico, in una, e nell'altra il cognato Marco Mezzaroma. Ora la Figc ha dato tempo fino a sabato 3 luglio, alle ore 20, per risolvere i problemi evidenziati in fase di bocciatura. La Federcalcio ha reso noto che «in virtù del processo di scelta delle persone componenti del trust e delle regole previste nella gestione dello stesso, non appare come un vero e proprio blind trust».

Inoltre, è stato rilevato che «non è stata assicurata indipendenza economica al trust rispetto alle società disponenti» bocciando, dunque, sul nascere la proposta avanzata da Caludio Lotito. Un caso che rischia di compromettere quasi definitivamente l'iscrizione della Salernitana al prossimo campionato di Serie A. Sabato alle 20 o verrà presentata una soluzione soddisfacente sulla scrivania della Figc, oppure la Salernitana rischia di perdere la promozione conquistata sul campo e restare in Serie B. Nell'eventualità che Lotito non riesca a convincere la Federcalcio, ipotesi che sembra sempre più probabile, a gioire potrebbe essere il Benevento, società classificatasi terzultima nella stagione 2019/2020 e, dunque, quella con il diritto di esser ripescata. Il Benevento ha salutato, da poco più di un mese, la massima serie sul campo, ma potrebbe riabbracciarla da subito, senza doverla riconquistare tramite le fatiche della serie cadetta. I tifosi di Salernitana e Benevento attendono con trepidazione le 20 di sabato 3 luglio. Una bagarre tutta campana tutta nelle mani di Lotito.

«La Salernitana - fa sapere il club in una nota - in merito ad alcune notizie di stampa, prende atto delle richieste di chiarimenti avanzate dalla Figc e assicura che si attiverà per rispondere nei termini previsti». «Non siamo preoccupati, la Figc ha chiesto giusti chiarimenti da precisare nello statuto del trust per garantire l'operatività stessa, come per esempio trustee e guardiani che devono essere dispari, e noi glieli daremo. Mancano tre giorni a sabato. Spero che già entro venerdì si possa arrivare alla conclusione, Lotito lo trovo sereno, non c'è motivo di angoscia o ansia». È quanto assicura l'avvocato di Claudio Lotito, Gian Michele Gentile, in merito alla questione del trust legato alla vendita della Salernitana dopo la bocciatura da parte della Figc e l'ultimatum sui correttivi da presentare entro le ore 20 di sabato.

Fonte: Quotidiano di Puglia


Scroll to Top