MOLFETTA-FIDELIS ANDRIA 0-2

Fidelis Andria, Panarelli: ''Playoff sicuri? Motivo di orgoglio''

Dalla rassegna stampa di oggi

foto Luca Barone

Terza vittoria consecutiva, dodicesimo risultato utile di fila. La Fidelis conquista matematicamente i playoff. Grande gioia per gli azzurri che sbancano anche il campo di Molfetta con il classico dei punteggi (2-0), grazie alle reti di Scaringella e Clemente. «Numeri importanti ma non tutto è andato per il verso giusto - commenta il tecnico Panarelli, tornato in panchina dopo il Covid -. Il primo tempo non mi è piaciuto. Abbiamo perso la nostra identità nei primi 15 minuti e anche nel prosieguo della prima frazione. Tanti errori in fase di disimpegno, e anche di natura tattica. Non possiamo permetterci di essere sazi e appagati, perché andremmo a rovinare quello che di buono abbiamo fatto finora. Nella ripresa siamo entrati con un piglio diverso e siamo stati la solita Andria, quella che mi piace e che abbiamo apprezzato nelle ultime partite. Dobbiamo mantenere sempre alta la concentrazione e la determinazione per allenarci alle partite che segneranno la stagione».

Domenica prossima ci sarà la sfida interna con il Lavello, che segnerà la posizione nella griglia playoff. «Intanto festeggiamo questo obiettivo raggiunto - prosegue Panarelli -. Questo è motivo di orgoglio per squadra, staff, società e ambiente. È giusto dare lustro ad Andria. Ma non ci possiamo fermare adesso. Dobbiamo continuare, mancano due partite e non vogliamo fermarci perché vogliamo ancora stupire». Due i dati emersi nella vittoria di Molfetta: difesa ancora imbattuta e primo gol stagionale per Scaringella. «Mi interessa rimarcare il grande lavoro della squadra, perché l'intera squadra che difende e attacca. Sono contento per Scaringella che si è sbloccato e poteva rendere la sua prova ancora più importante. Sono anche soddisfatto per chi è entrato in corso d'opera, che ha dato ottimamente il proprio contributo».

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno - Aldo Losito


Scroll to Top