VERSO ALTAMURA-FIDELIS ANDRIA

Fidelis Andria, ad Altamura altra sfida playoff

Dalla rassegna stampa di oggi

Avantaggiato, partirà titolare contro l'Altamura - foto Luca Barone

Un'altra sfida diretta per un posto nei playoff. L'Andria affronta in trasferta l'Altamura e punta dritto ad allungare la serie dei risultati positivi (8), proprio per raggiungere l'ambizioso obiettivo stagionale. La Fidelis è quarta in classifica ed ha 5 punti in più rispetto agli avversari murgiani, condannati a vincere a tutti i costi per restare agganciati alle prime posizione di classifica.

L'Altamura ha un organico importante ma ha pagato a caro prezzo le tante partite ravvicinate dell'ultimo mese. La squadra di Monticciolo, infatti, ha totalizzato solo 8 punti nelle ultime 8 partite, ed è reduce dalla sconfitta in rimonta contro il Fasano. La Fidelis, invece, sta attraversando un buon momento di forma fisica e tattica, non supportate dalla fase realizzativa. Dalla parte degli azzurri anche la migliore difesa del campionato. Mister Panarelli, inoltre, ritrova Manzo e Carullo che hanno scontato il turno di squalifica. Unico assente resta Clemente. Tante le scelte a disposizione del trainer andriese (uno dei tanti ex della partita). Si potrebbe partire dal solito 3-4-1-2, con Anatrella in porta e davanti a lui la difesa con Lacassia, Fontana e Venturini. In cabina di regia Manzo e Bolognese, con l'alternativa di Dipinto. Sulle corsie esterne Benvenga e Avantaggiato, con l'alternativa di Carullo e Paparusso. Il trequartista cerone dovrebbe agire dietro ai due attaccanti Acosta e Prinari, con le alternative di Scaringella e Figliolia. La variante tattica potrebbe esserci con l'inserimento di Monaco a centrocampo per il 3-5-2. Una curiosità: le due squadre non saranno seguite in panchine dai due allenatori. Monticciolo è squalificato, mentre Panarelli è in isolamento a causa del covid.

PROBABILE FORMAZIONE
ANDRIA (3-4-1-2): Anatrella; Lacassia, Fontana, Venturini; Benvenga, Manzo, Bolognese (Dipinto), Avantaggiato (Carullo); Cerone; Acosta, Prinari (Monaco). All. D'Alterio

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno - Aldo Losito


Scroll to Top