SPARTAN BOYS

Castria: 'Lo Spartan Ginosa è senso delle radici'

Dalla rassegna stampa di oggi

Approfittando della sospensione per il Covid-19, Domenico Castria, presidente dello Spartan Boys Ginosa racconta le origini e i progetti futuri del giovane sodalizio (ha tre anni) approdato per la prima volta in Promozione attraverso l'acquisizione del titolo del Massafra. «Creeremo un'accademia con coach di grande livello per i giovani. Attualmente lo Spartan è la squadra rilevazione del girone B, con un secondo posto, sebbene in coabitazione, e due vittorie, un pari ed una sconfitta nelle prime quattro difficilissime gare». Castria spiega che il progetto è nato «con l'intento di valorizzare i talenti locali soprattutto tarantini e provinciali. Taranto ha così tanti talenti che le squadre che ci sono non bastano. Qui si vive di pane e calcio. È con questo spirito che si sta sviluppando il concetto di Spartan Academy, una fucina in fase di definizione con coach di grande livello». Il futuro: «Cercheremo di attuare tutti i nostri programmi e nei tempi giusti di creare una squadra che, attraverso organizzazione, impegno e un' organigramma valido come quello che abbiamo attualmente, possa portarci più in alto possibile. Essendo imprenditore, bisogna guardare sempre avanti».

Il presente «spartano» è già pieno di soddisfazioni: «In poco tempo - dice Castria - abbiamo costruito una squadra competitiva grazie ad uno staff che di calcio se ne intende, attraverso il giusto mix di esperienza e gioventù. Abbiamo intuito la possibilità di andare oltre la salvezza, ma i piedi devono restare ben piantati per terra». Sono tanti i tifosi che seguono la squadra, nonostante la presenza a Ginosa di un altro club con una storia. «Siamo nati in un periodo in cui la città aveva bisogno di calcio e in cui i giovani socializzavano poco. In tanti hanno capito le energie che gli Spartan esprimevano e si sono avvicinati con senso di appartenenza».

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno - Angelo Occhinegro


Scroll to Top