Vincenzo Di Pinto: il mio ruolo da allenatore – manager
PRISMA TARANTO VOLLEY | Le parole di mister Di Pinto a quasi un mese dall'inizio del campionato
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
Vincenzo Di Pinto - foto Prisma Taranto Volley - Walter Nobile
Fabrizio Giannico | 16 Settembre 2020 - 11:45
Vincenzo Di Pinto, 62 anni di cui più di 40 passati ad allenare squadre in giro per l’Italia e l’Europa, fa il punto della situazione guardando anche alla stagione che ormai è alle porte.
  
Mister Di Pinto a quasi un mese dell’avvio del campionato, la Prisma continua con la preparazione, come sta procedendo?

Considerando che siamo una squadra appena formata, i ragazzi stanno imparando a conoscersi e i ritmi si intensificano giorno dopo giorno. Tutto in ogni caso sta procedendo bene e ci siamo lasciati alle spalle la prima settimana di lavoro intenso, si sta formando un bel gruppo.

I protocolli anticovid emanati dalla FIPAV stanno ostacolando in qualche modo l’attività o nonostante tutto non ci sono intoppi?

No, nonostante le disposizioni che dobbiamo seguire tutto procede tranquillamente anche se spesso subentra un po' di ansia ma non è per il protocollo che dobbiamo rispettare. Questa situazione che stiamo vivendo crea agitazione in tutta la popolazione e soprattutto a noi che dobbiamo attenerci scrupolosamente all’assetto che ci hanno imposto.

La dirigenza presentandola alla stampa e ai tifosi l’ha definita allenatore – manager, questa figura è utilizzata soprattutto nel calcio inglese. Cosa la differenzia dal classico ruolo di allenatore?

Tutto si basa innanzitutto sul rapporto di stima reciproca che c’è tra me e la società, è un ruolo che ho già ricoperto in passato, anche se non è mai stato detto. Per questa stagione la società ha deciso di non affidarsi a un direttore sportivo e il mercato è stato fatto da me, in collaborazione con il direttore generale Laforgia e la presidenza.

Mister, a proposito di mercato, la campagna acquisti ormai l’abbiamo lasciata alle spalle, un suo giudizio sulle compagini che la Prisma affronterà la prossima stagione?

Probabilmente questo sarà il campionato di A2 con il livello più alto di sempre, ci sono almeno cinque squadre che possono tranquillamente ambire alla promozione, tra queste ci siamo anche noi, in ogni partita bisognerà dare sempre il massimo perché tutte vorranno fare risultato contro Taranto.
  

Nel frattempo la Prisma ha salutato il Palafiom, struttura che l’ha ospitata per la prima parte della preparazione, per trasferirsi al PalaMazzola dove ha già svolto la prima seduta di allenamento e che vedrà gli jonici disputare le proprie gare interne.
MRB.it Tag:
prisma taranto
volley
di pinto