Vigorito: 'No a promozioni e retrocessioni? Allora in A niente Europa per le prime 6-7'
SERIE B | Le parole del presidente del Benevento
Serie B Tutte le News
Calcio Tutte le News
Redazione MRB.it | 7 Giugno 2020 - 11:58
Tempo di lettura: 1 minuto e 32 secondi
Il presidente del Benevento, Oreste Vigorito, è intervenuto al microfono del Corriere dello Sport, soffermandosi sulla ripartenza del calcio e sulle tante polemiche che riguardano la Serie B: "Io sostengo gli sforzi del presidente Gravina che si è fatto garante del calcio e ho la certezza che qualcuno non sappia fare i conti con la realtà. Oggi si dovrebbe onorare un merito sportivo che non può essere differenziato: l’algoritmo varrebbe solo per la torta con le candeline per andare in Europa. Se il protocollo scendesse a sette giorni anche le regole preventive avrebbero una perdita di efficacia notevole".

Critiche, dunque, anche sul protocollo da parte del patron giallorosso, che continua: "Il protocollo è stato elaborato tre mesi fa quando la pandemia aveva raggiunto livelli inquietanti. È rimasto lo stesso nonostante i dati siano radicalmente cambiati, migliorati. L’altro giorno Inzaghi mi ha chiesto: “Scusi, presidente, mi spiega perché ho 30 giocatori tutti sani, supercontrollati, e non posso farli lavorare sul campo in libertà?”. Non ho saputo rispondergli".

"Stiamo parlando da anni di ristrutturazione dei campionati, di sostenibilità economica, di riduzione del numero delle squadre - prosegue Vigorito - e proprio nell’anno dell’Europeo ci mettiamo a moltiplicare il numero delle partite gonfiando i calendari? Ma da chi provengono idee balzane come questa? Mi piacerebbe vedere le società di A costrette a dividersi i diritti tv non più per 20 ma per 23. Al di là di questo, dico che il blocco deve riguardare tutti e pesare su tutti. Niente promozioni e allora niente Europa per le prime 6 o sette della A, non esiste un covid per i ricchi o presunti tali e un covid per i poveri".
Fonte: TuttoMercatoWeb.com
MRB.it Tag:
serie b
benevento
oreste vigorito