Taranto e i playoff/playout: la salvezza targata Manduria
AMARCORD | I rossoblu vincono le 2 sfide play out e conservano la C2
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
Il Taranto sceso in campo contro il Ragusa - foto Luca Barone
Antonello Lanzillotta | 5 Giugno 2020 - 17:43
Tempo di lettura: 3 minuti e 36 secondi
In tempi no Covid sarebbe stato tempo di playoff e playout. Campionati a parte, pieni di passione, gioie, nervosismi, ma con la delusione dietro l'angolo.

Ripercorriamo i play giocati dal Taranto dal 2000 in poi.

STAGIONE 2004-2005
Corre l’estate 2004 e del Taranto ci sono solo macerie. L’iscrizione al campionato di C2 viene effettuata ma l’arresto di Pieroni, il 7 agosto, complica tutte le trattative di cessione compresa quella che vede come acquirente l’imprenditore Luigi Blasi. L’organico conta soli 4 “over” così alla prima squadra vengono arruolati i ragazzi della Berretti e i risultati di conseguenza vengono meno. A peggiorare la situazione è la gara tra Taranto e Cavese. Le tifoserie vengono a contatto e la gara viene sospesa. Il giudice sportivo decide per la sconfitta a tavolino e 4 giornate da giocare a porte chiuse per entrambe le squadre.

La prima vittoria per gli uomini di Sabadini arriva solo all’ottava giornata, il 31 ottobre a soli 5 giorni post fallimento. Infatti il Taranto Calcio Srl viene dichiarato fallito il 26 dello stesso mese. Il Tribunale Fallimentare di Taranto affida l'esercizio provvisorio, che dura per un mese e mezzo, al curatore fallimentare avv. Pietro Monopoli.

La prima asta fallimentare per l'aggiudicazione della società va deserta.

Nella seconda invece, di offerta ne arriva solo una: con 294.000€, Luigi Blasi diventa il nuovo proprietario della società ionica. È il 16 dicembre 2004. Ha inizio un nuovo corso: nasce la “Taranto Sport Srl”. Con il presidente torna in rossoblu sia il Prof Uzzi che Vittorio Galigani. A fine dicembre la FIGC restituisce il titolo sportivo, permettendo alla nuova società di continuare il campionato in corso in C2. Alla fine del girone di andata il cammino dei rossoblu è davvero disarmante : solo 9 i punti ottenuti grazie a 2 vittorie e 3 pareggi in 17 gare.

L’imprenditore di Manduria interviene con le decisioni del caso sostituendo il mister Sabadini con il duo Nemo-Toma, ma i risultati non arrivano. Nella campagna di riparazione rinforza tutto l’organico ed interviene nuovamente sulla guida tecnica e affida a Florimbi la panchina che è diventata bollente. Ma i rossoblu si rialzano pian piano. Determinanti sono le tre vittorie consecutive ottenute contro Rosetana, Potenza e Igea Virtus nel momento clou del campionato in ottica salvezza. Nel girone di ritorno gli ionici totalizzano 5 vittorie, 3 pareggi e 9 sconfitte che permettono di raggiungere un insperato 16ºposto e giocarsi la permanenza in C2 tramite i play out contro il Ragusa.

La gara di andata si gioca in casa davanti agli 8000 dello Iacovone, in virtù della peggior posizione in campionato. Non c’è partita. Agli uomini di Florimbi il risultato di 2-1 (doppietta di La Cava) sta davvero stretto.

In Sicilia, il Taranto s’impone con lo stesso risultato e chiude la pratica già nel primo tempo con una doppietta del giovane Malagnino nativo della terra del primitivo. La salvezza è raggiunta ed è targata Manduria.


29-5-2005
Finale Andata Play out C2/C
Taranto-Ragusa 2-1
Taranto: Signorile; Peruzzi, Monaco, Mela, Maddè; Arabia (73' Niscemi), Meacci (87' Filippi), Deleonardis, La Cava (70' Mignogna); Pupita, Selvaggio. A disposizione: Negro, Paglialunga, Malagnino e Palumbo. Allenatore: Florimbj.
Ragusa: Accialini; Fumagalli (79' Pellegrino), Ursino, Misiti, Falanca; Bonaffini, Gemmi, Di Toro; Cau, Artiaco (56' Plasmati); Ierna (35' Sadicki). A disposizione: Fagone, Cutaia, Di Domenico e Rocca. Allenatore: Nuccio e Infantino.
Arbitro: Lena di Ciampino.
Marcatori: 32' e 54' La Cava, 80' Plasmati (RA).
Note: spettatori 8000 circa. Ammoniti: Pupita, Mela, Misiti, Artiaco e Cau. Angoli: 9-4

5-6-2005
Finale ritorno Play out C2/C
Ragusa-Taranto 1-2
Ragusa: Accialini, Bonaffini (61' Rocca), Ursino, Cutaia, Misiti, Falanca, Pellegrino, Di Toro (61' Gemmi), Plasmati, Cau, Sadiki (55' Ierna). A disposizione: Fagone, Artiaco, Vindigni e Cinnirella. Allenatori: Nuccio e Infantino.
Taranto: Negro; Peruzzi, Monaco, Mela, Maddè; Malagnino, Filippi (63' Arabia), Deleonardis, La Cava; Niscemi (56' Mignogna), Pupita (89' Selvaggio). A disposizione: Lucaselli, Paglialunga, Palumbo e Meacci. Allenatore: Florimbj.
Arbitro: Zanzi.
Marcatori: 6' e 35' Malagnino (TA), 79' (rig.) Plasmati.
Note: spettatori 2100 circa. Ammoniti Ursino e La Cava; espulso Cutaia
MRB.it Tag:
ragusa
malagnino
la cava
playout
pieroni
galigani
lega pro
blasi
taranto fc
taranto sport
serie c2