Giove: 'Ridata credibilità alla società. Il futuro? Aspettiamo il Consiglio Federale'
TARANTO FC | Il presidente Giove a ruota libera su diverse tematiche
Il presidente Giove in una videointervista su Studio 100 Tv
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
Redazione MRB.it | 12 Maggio 2020 - 16:04
In una lunga intervista rilasciata all'emittente Studio 100 Tv, il presidente del Taranto Fc Massimo Giove parla di diversi temi: del Taranto, del futuro del club rossoblù e di quello del calcio italiano.

CHIUSURA DEI CONTI DELLA SCORSA STAGIONE - "Purtroppo questo campionato è finito in anticipo per via del coronavirus. Abbiamo seguito le indicazioni della LND saldando tutti i calciatori fino al 29 Febbraio. Nella scorsa settimana abbiamo dato anche un ipotetico sciogliete le righe perchè ritengo che ormai questo campionato non ripartirà più".

FUTURO DEL CALCIO ITALIANO - "Ognuno esprime la propria opinione, ma c'è un Consiglio Federale e ci sono delle Leghe che decideranno. Il singolo giudizio di una persona non può essere valido. Certo, qualsiasi saranno le decisioni ci saranno dei presidenti contenti e altri scontenti ma sono convinto che il nostro calcio ha dei buoni manager e che quindi sia giusto accettare quello che loro ci diranno".

BISOGNA AZZERARE TUTTO - "A Luglio scorso pensavo di aver già vinto il campionato, ancora prima di giocarlo. Tutto è andato male e avevo messo in cantiere che se non fossimo arrivati primi, avrei azzerato tutto. Non voglio dare nessuna colpa a Panarelli, con cui ho un ottimo rapporto e neanche a De Santis, persona straordinaria. Loro hanno compreso, sanno che questa è una piazza difficile e che quindi devo ripartire con un'organizzazione diversa. Partendo anche dal modulo di gioco, ci sarà una rivoluzione anche in questo senso".

RIPARTIRE DA DEGLI ESPOSTI O DE LIGUORI? - "Questi nomi sono frutto di ipotetiche fantasie di tanti giornalisti, al momento non posso decidere nulla. Dobbiamo aspettare prima cosa deciderà il Consiglio Federale. Non sappiamo se ci sarà una riforma del calcio, se giocheremo in serie D e se lo faremo a porte chiuse o a porte aperte. Non sappiamo quali introiti ci saranno, ma questo non vale solo per il Taranto ma per tutti i club, anche quelli europei. Da primo tifoso vorrei ripetere le grandi follie fatte l'anno scorso ma prevedere un budget di spesa adesso è difficile".

RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE - "L'avevo annunciata da tempo. Abbiamo spostato la sede alla Bestat, che è già operativa. Stiamo andando avanti con il restalyng del sito internet, del nuovo logo e proveremo a gestire il merchandising internamente con una piattaforma online. Sono tutte piccole iniziative che stiamo mettendo in atto".

ORGANIZZAZIONE SOCIETARIA - "Troveremo tutte le figure che hanno anche tutti i club professionistici. Dobbiamo completare il nostro organigramma, per esempio, con un direttore sportivo, un allenatore e un osservatore di talenti dei campionati minori. La Sigrisi rimarrà al suo posto. Ci sarà un organigramma dove ogni componente avrà le proprie responsabilità. Faremo grandissima attenzione anche al settore giovanile dove riconfermeremo la figura di Borsci come direttore generale. Con tante difficoltà, soprattutto per le strutture, ha fatto un ottimo lavoro. Speriamo che quest'anno, con il campo B, inizieremo ad ottenere dei miglioramenti anche per i nostri giovani".

FUTURO - "Non so cosa accadrà da qui ai prossimi 3 mesi. Dal 18 inizieranno gli allenamenti di squadra per la serie A ma lì devono finire i campionati perchè c'è un discorso di diritti televisivi da rispettare. Discorso diverso per la serie C e soprattutto per i campionati dilettantistici. Lo stesso Sibilia si sta impegnando per trovare delle soluzioni risarcitorie per noi club e anche per i nostri atletici. Da presidente, credo che non sia giusto che padri di famiglia debbano rimanere senza stipendi per i prossimi tre mesi. Noi ci muoveremo in base a quello che sarà il campionato che faremo e quale sarà lo state di salute della nostra città. Non voglio illudere nessuno, i tempi sono cambiati ed è giusto ragionare da azienda. Mi fanno molto piacere le tante attestazioni di stima avute dai nostri calciatori, tutti desiderosi di rimanere a Taranto. Significa che abbiamo restituito credibilità a questa società".
MRB.it Tag:
massimo giove
taranto fc
serie d
serie d girone h
lnd