Cellino: 'Lotito vuole scudetto? Diamoglielo. Per me la stagione è finita'
CORONAVIRUS | Il presidente del Brescia si scaglia contro il suo collega: non ci dovrebbe essere ripresa del campionato
Serie A Tutte le News
Calcio Tutte le News
Il presidente del Brescia Massimo Cellino - Foto presa da Castedduonline
Redazione MRB.it | 22 Marzo 2020 - 13:30
Tempo di lettura: 1 minuto e 49 secondi
Massimo Cellino non usa mezzi termini e sulle pagine del Corriere dello Sport attacca apertamente la Serie A e chi vuole far riprendere il campionato. Queste le parole del presidente del Brescia.

LOTITO –
 «Ma quale ripresa, ma quale stagione da concludere, io penso all’anno prossimo, solo a quello. La coppa, lo scudetto… Lotito lo vuole, se lo prenda. È convinto di avere una squadra imbattibile, lasciamogli questa idea».

CORONAVIRUS – «Da Brescia ricevo continuamente notizie, e sono tutte pazzesche, eppure la città sta affrontando la tragedia con una dignità che imbarazza. Questa gente mi ha strappato il cuore. Ha genitori, parenti, amici, conoscenti che muoiono ogni giorno eppure soffre terribilmente ma in silenzio. Chiede aiuto solo a se stessa. Altri sono i numeri, non quelli ufficiali, altre le dimensioni. Fosse successo da altre parti sarebbe scoppiata la rivoluzione. Ha un solo desiderio, rimettersi al lavoro, ricominciare a vivere. E mi volete parlare di campionato, di scudetto? Non me ne frega un cazzo… Ho paura ad uscire di casa, mi sta venendo la depressione»

RIPARTENZA – «I tifosi non vogliono che si riparta. Lo vietano loro, non la federazione. Prima la vita. La vita, cazzo. Ci sono ultrà che portano l’ossigeno agli ospedali, altri che piangono i loro morti, altri ancora intubati. Non si può più giocare quest’anno. Si pensi al prossimo. Qualcuno non si rende ancora conto di quello che sta accadendo, e quel qualcuno è peggio. Questa è la peste».

UN TERZO DEL CAMPIONATO – «Si è bruciato un terzo del campionato, e allora si taglino un terzo dello stipendio ai calciatori, un terzo dei diritti televisivi e un terzo delle tasse. È il modo più facile per aggiustare le cose. La testa delle istituzioni, federazione e lega, deve proiettarsi a settembre, a ottobre, a quando sarà. Ho letto con attenzione quello che ha detto Galliani al tuo giornale e sottoscrivo tutto, Adriano è il migliore, il più lucido. Ma temo che non ci sia più il tempo per contrastare il dissesto in modo strutturato».
Fonte: One Football
MRB.it Tag:
serie a
brescia
cellino
lotito
coronavirus
scudetto