Eccezzziunale veramente-Capitolo secondo...me: ancora un fiume di risate
LE VOCI DI MRB.IT | Dalla rubrica dedicata ai film sul calcio, 'Cinema Footlball Club'
Cinema Football Club Tutte le News
Le Voci di MRB.it Tutte le News
foto da Tv.nu
Angelica Grippa | 20 Febbraio 2020 - 14:00
Tempo di lettura: 2 minuti e 12 secondi
“A proposito del modulo  zonzo: ‘Cioè ognuno come ca**o ci pare’ “

Eccezzziunale veramente-Capitolo secondo…me: dopo il grande successo del primo capitolo, ecco il sequel del film di Carlo Vanzina del 1982. Diego Abantantuono ritorna dopo vent’anni sempre nei panni di Donato, Franco e Tirzan. Stesso divertimento e stessa ironia sui luoghi comuni del calcio made in Italy.

Il protagonista della pellicola, è il cosiddetto ‘Ras della Fossa’, ossia Donato Cavallo, un italiano che da più di vent’anni vive nella patria di ogni divertimento, Ibiza, insieme ad una donna che dirige un ristorante. Grande tifoso milanista assiste ad una trasferta dei rossoneri in Spagna, e preso dalla nostalgia decide di lasciare la moglie per ritornare nella sua amata Milano.

Ma una volta arrivato in patria farà l’amara scoperta: non solo tutti i suoi parenti che vivevano a Milano sono tornati nel loro parse di origine, a Bisceglie in Puglia, ma soprattutto con amarezza apprende di avere anche un figlio per lo più di fede interista. Pare che la sua ex fidanzata Ginevra, lasciata da lui all’inizio della gravidanza si è unita ad un certo Sandrino il Mazzulatore, che da sempre odia sia dal punto di vista calcistico, ma anche a livello d’amicizia.

Per ricongiungersi con il figlio, Donato farà qualsiasi cosa, addirittura fingere di tifare l’Inter e frequentare il locale fan club nerazzurro frequentato da suo figlio. Ma da buon tifoso non resisterà e in un episodio si scopriranno le carte, è un tifoso rossonero.

La seconda parte del film invece descrive le peripezie di Franco Alfano che gestisce un bar di interisti ma pieno di debiti. In una scena si vede un fortuito scambio di valigie dove troverà 150 mila euro che gli permetteranno di chiudere finalmente i conti con i creditori. Ma Franco non sa che quei soldi appartengono ai fratelli mafiosi Calì. Verrà così portato a Palermo per saldare i conti e verrà persino costretto ad ammazzare.

L’ultima parte è tutta delicata a Felice La Pezza, grande tifoso juventino soprannominato ‘Tirzan’ che dopo 15 anni di coma si risveglia e ritrova a casa sua ‘Beniamino’ un coinquilino di sua moglie nonché grande tifoso del Napoli.

Ancora una volta la comicità e il calcio che vincono insieme. Come il primo capitolo anche il secondo si è assicurato un ampio successo di critica e di pubblico. Uno degli ultimi film comici con grandiosi interpreti, certo come ogni sequel non è all’altezza del primo ma non ha deluso le aspettative di chi si è seduto con la speranza di divertirsi e sorridere con i luoghi comuni più amati in Italia, quelli sul calcio.
MRB.it Tag:
film sul calcio
diego abatantuono
tirzan
franco alfano
donato cavallo
milan ac
juventus fc
inter fc