Giove: 'Il campionato lo abbiamo perso in casa. Chiedo scusa ai tifosi'
TARANTO FC | L'analisi del presidente rossoblù dopo il pari contro il Casarano
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
Massimo Giove - foto Luca Barone
Redazione MRB.it | 13 Gennaio 2020 - 16:59
Dopo lo sfogo di domenica sera su un'altra testata web, il presidente Massimo Giove analizza il post Taranto-Casarano intervenendo telefonicamente alla trasmissione D Calcio, andata in onda su Studio 100 Tv.

"In questi giorni avevamo parlato alla squadra con la consapevolezza che avremmo dovuto fare un'impresa importante, cioè quella di vincere tutte le partite, soprattutto gli scontri diretti casalinghi" - ha dichiarato Giove - "domenica abbiamo avuto una grande opportunità visto che tutte le squadre di testa hanno rallentato ma se questo Taranto non riesce ad approfittare neanche di queste occasioni, allora diventa davvero dura. A questo punto mancano 15 partite alla fine del campionato, 45 punti a disposizione e dobbiamo vincerle tutte sperando che davanti a noi tutte rallentino in maniera incredibile. A me non va di prendere in giro nessuno, non voglio illudere nessuno e ritengo ormai che questa rimonta sia molto difficile".

Al presidente non è piaciuta la partita contro il Casarano, "ho già parlato con il mister. Io dico sempre quello che penso, nel bene e nel male. La partita di domenica non mi è piaciuta, tutta la nostra batteria offensiva ha giocato sottotono. Non è la prima volta che si verificano prestazioni del genere, faremo le nostre analisi ma da primo tifoso dico che lo spettacolo di domenica non è stato bello".

"Il campionato lo abbiamo perso in casa" - ha aggiunto - "credo che non si sia mai verificata una cosa del genere, visto che lo Iacovone è sempre stato il nostro fortino. Non riusciamo a darci una spiegazione e a trovare la cause. Forse ci sono tanti professionisti che soffrono lo Iacovone, mentre fuori casa riescono ad esprimersi meglio. In questi mesi lavoreremo per capire meglio cosa sia accaduto e il perchè".

Giove rilancia un nuovo progetto, "alla fine sono i calciatori quelli che vanno in campo. Non voglio dare troppi alibi, anche se abbiamo avuto qualche decisione arbitrale contro di troppo che può aver influito psicologicamente. Ma mi scuso con la tifoseria, tutti quanti eravamo veramente convinti che quest'anno avremmo fatto un campionato straripante. Abbiamo avuto la dimostrazione che portare tanti nomi blasonati può non portare da nessuna parte. Abbiamo ingaggiato il nuovo direttore sportivo e sarà lui ad occuparsi del futuro progetto e capire chi portare anche l'anno prossimo. Tutto questo rimarcando che va comunque rispettata ed onorata la maglia e i giocatori dovranno scendere in campo dando il massimo. Un possibile errore? Forse l'aver portato a Taranto troppi professionisti di blasone. Se qualcuno mi avesse detto in estate che al giro di boa ci saremmo trovati a 9 punti dal primo posto non ci avrei mai creduto. Invece vorrei fare solo degli elogi ai nostri under perchè mai come quelli di quest'anno sono davvero molto forti. L'unica nota positiva di quest'anno sono proprio loro".

C'è molta delusione tra i tifosi, "ma loro devono sapere che anche io sono molto deluso visti i grandi sacrifici che ho fatto. Hanno il diritto di contestare il club ma se vogliamo vincere dobbiamo sostenere i nostri colori al di là di tutto. Li capisco, li comprendo, siamo passati dalla grande euforia di quest'estate alla delusione natalizia, e forse ecco qual è un altro dei miei errori. Dovevamo partire più in sordina e con i piedi per terra. Tutti gli addetti ai lavori ci davano per favoriti ma così purtroppo non è stato. Dobbiamo ritentare e ricrederci".

"In questo campionato vedo favorito il Cerignola" - conclude il presidente - "sono partiti in ritardo ma hanno aggiustato la squadra, ricompattato l'ambiente e poi sono anche molto fortunati dal punto di vista arbitrale. Credo che tutto questo mix di componenti consentirà al Cerignola di vincere il torneo o comunque di arrivarci molto vicino".
MRB.it Tag:
massimo giove
taranto fc
serie d
serie d girone h