'La cura Panarelli funziona e dal gruppo arrivano risposte'
TARANTO FC | Sul Quotidiano di oggi
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
Foto di Luca Barone
Redazione MRB.it | 7 Novembre 2019 - 10:27
Nella rassegna stampa di oggi sul Quotidiano le parole di Mimmo Carrieri, sull'attuale situazione del Taranto, le parole di D'Agostino e un punto sulle altre piazze del girone H che hanno vissuto il cambio della guida tecnica.

Taranto-La cura Panarelli funziona e dal gruppo arrivano importanti risposte. 
Campionato avvincente? Finora solo per poche delle squadre che lottano per la promozione. Il Taranto è, assieme a Bitonto e Foggia (al netto della sorpresa Fasano), tra le poche che in questa fase può tenere testa alle ambizioni. Forse perché è intervenuta prima sulla sua crisi tecnica e di risultati, cambiando l'allenatore, tendenza poi diffusa tra le altre big. Si era preso un sacco di critiche, comprensibilmente, il presidente Massimo Giove all'indomani del licenziamento di Nicola Ragno. Il tecnico molfettese, profilo big per la categoria, non era riuscito a dare gioco, identità e vittorie in linea con i programmi, ma era riuscito a guadagnarsi la stima della piazza, un ulteriore credito di fiducia da parte di osservatori e tifosi, che gli avrebbero voluto dare altre chance. Un credito che lo stesso Giove, il quale aveva meditato l'esonero già dopo la sconfitta di Foggia, a veva concesso tenendo Ragno per le altre due partite (vittoria stentata sull'Altamura e tracollo di Bitonto). Poi la decisione, che ha determinato un cambio radicale di tipo tattico e mentale al'interno del gruppo. Certificato dalle due vittorie consecutive e dalla rinascita, per esempio, di D'Agostino che in tv (Studio 100) due giorni fa ha detto:<>, un modo elegante per smentire Ragno che giustificava il mancato utilizzo del trequartista per presunta scarsa forma di quest'ultimo. C'è poi, sulla sponda jonica, un vantaggio di non poco conto: una buona parte della squadra titolare era con Panarelli anche lo scorso anno, il che ha probabilmente agevolato il cambio della guida tecnica. Nel ftattempo Bitonto (con Taurino) e Foggia (con Corda) ne ha approffitato per stagliarsi ai vertici della classifica e mettere un pò di distanza con tutte le altre. ed ora sarà interessante capire se le altre concorrenti sfrutteranno al meglio il cambio di allenatore che come non mai ha contemporaneamente riguardato tante squadre in pochi giorni. L'ultima investitura è stata quella di Dino Bitetto (uno dei papabili anche per la panchina del Taranto) da parte del Casarano, co cambio tattico dal 3-4-3 di De Candia al 4-3-3 di Bitetto appunto. Meno doloroso, sotto il profilo strettamente tecnico, il turnover di Cerignola dove si è accomodato l'esperto Feola al posto del giovane Potenza. I dauni hanno così scelto una strada opposta a quella tarantina, abbandonando la 'scommessa' della gioventù a beneficio di un allenatore di garanzia.
MRB.it Tag:
taranto fc
serie d
serie d girone h
lega nazionale dilettanti
lnd
dilettanti