La Juventus è agli ottavi, l'Atalanta pareggia col City
CHAMPIONS LEAGUE | I bianconeri vincono 2-1 a Mosca, i nerazzurri sono ancora in corsa per la qualificazione
Altre di Calcio Tutte le News
Calcio Tutte le News
Foto Instagram Juventus
Armando Torro | 6 Novembre 2019 - 23:15
I minuti di recupero sono benedetti dalle squadre italiane in questo mercoledì di Champions League. In particolare, la Juventus ringrazia Douglas Costa che a Mosca entra nella ripresa e segna il 2-1 decisivo che qualifica i bianconeri: slalom tra quattro difensori, uno-due da Playstation con Higuaín e palla per la seconda volta alle spalle di Guilherme. Proprio una papera del portiere della Lokomotiv apre la partita sulla punizione di Cristiano Ronaldo al 3': palla lasciata andare sotto le gambe e Ramsey sulla linea segna l'1-0. Poi Miranchuk pareggia dopo una decina di minuti, ma soprattutto Bonucci salva sulla linea il tiro di Joao Mario nella ripresa. La vittoria significa qualificazione agli ottavi di finale e grandi possibilità di passare da primi del girone D perché il Bayer Leverkusen coglie i primi tre punti battendo l'Atletico Madrid per 2-1 in casa: tra due settimane basterà non perdere allo Stadium coi rojiblancos per essere davanti a tutti.

L'Atalanta, a modo suo, fa l'impresa contro il Manchester City a San Siro, pareggiando con un colpo di testa di Pasalic una partita in cui nel primo tempo poteva finire sotto di tre gol: merito delle parate di Gollini e del rigore calciato fuori da Gabriel Jesús. Eppure c'è il rimpianto di non aver sfruttato la superiorità numerica: Guardiola toglie Ederson per infortunio e inserisce Claudio Bravo che stende Ilicic al minuto 86 fuori dall'area di rigore e viene espulso. Ma con Walker (difensore che sabato ha fatto gol e assist contro il Southampton) in porta arriva solo un tiro, quella della punizione successiva, e nessun pericolo creato nei 7' di recupero. La Dea che bacia i nerazzurri, stavolta, è quella bendata perché lo Shakhtar Donetsk nel recupero a Zagabria rimonta due gol alla Dinamo: dal 3-1 su cui pesano le espulsioni di Moro e Marlos si arriva al 3-3 grazie a Junior Moraes (killer dell'Atalanta a San Siro) e alla "geniale" idea di Théophile-Catherine di dare una gomitata nella sua area di rigore a Pyatov, portiere ucraino spinto in avanti nell'ultimo disperato attacco della squadra ospite che pareggia col neo entrato Teté. Grazie a questo pareggio la squadra di Gasperini è ancora in corsa per la qualificazione, che resta una montagna da scalare: servono due vittorie contro le dirette concorrenti e che lo stesso faccia il Manchester City, altrimenti sarà difficile essere davanti per gli scontri diretti (sconfitte 4-0 a Zagabria con la Dinamo e 1-2 a Milano con lo Shakhtar).

Tutto secondo i piani per Bayern Monaco, Tottenham e Real Madrid, un po' meno per il Paris Saint Germain. Vincono tutte e quattro le grandi, i blancos con un tennistico 6-0 (in tempi di Atp Finals) sul Galatasaray con tripletta di Rodrygo e gli Spurs con un poker al Marakana di Belgrado contro la Stella Rossa, ma i parigini soffrono tantissimo contro il Bruges. Icardi e soprattutto Navas firmano la vittoria e la qualificazione dei transalpini: l'ex capitano dell'Inter fa il gol dell'1-0 finale a metà primo tempo e l'ex portiere madridista para il rigore di Diagné un'ora di gioco più tardi. Il punto esclamativo sulla qualificazione del Bayern (2-0 sull'Olympiacos) lo mette un altro ex interista al primo pallone toccato, cioè Perisic... E dire che Conte nel post partita di Dortmund si è lamentato della rosa messagli a disposizione dalla dirigenza nerazzurra.

Lokomotiv Mosca-Juventus 1-2
12' Miranchuk (L); 3' Ramsey, 93' D.Costa (J)
Bayer Leverkusen-Atletico Madrid 2-1
41' Partey a, 55' Volland (L); 93' Morata (A)
Bayern Monaco-Olympiacos 2-0
69' Lewandowski, 89' Perisic
Stella Rossa-Tottenham 0-4
34' Lo Celso, 57',61' Son, 85' Eriksen
Paris Saint Germain-Bruges 1-0
22' Icardi
Real Madrid-Galatasaray 6-0
4',7',93' Rodrygo, 14' Ramos r, 46'pt,81' Benzema
Atalanta-Manchester City 1-1
49' Pasalic (A); 7' Sterling (M)
Dinamo Zagabria-Shakhtar Donetsk 3-3
25' Petkovic, 83' Ivanusec, 89' Ademi (Z); 13' A.Patrick, 93' J.Moraes, 98' Teté (S)
MRB.it Tag:
uefa
champions league
juventus
lokomotiv mosca
atalanta
manchester city
shakhtar donetsk
dinamo zagabria
bayer leverkusen
atletico madrid