D'Agostino: 'Condannati a rincorrere? No. E la mia rinascita non dipende da Panarelli'
TARANTO FC | Il fantasista rossoblù commenta la prossima sfida: 'Occhio all'Agropoli che ha messo in difficoltà il Fasano'
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
Foto MRB.it - Luca Barone
Redazione MRB.it | 6 Novembre 2019 - 19:30
La rincorsa del Taranto al primo posto passa dai piedi di Stefano D'Agostino, ma a lui il termine non piace: "Non siamo condannati a rincorrere. Credo non sia il verbo giusto da utilizzare in questo momento. Siamo alla decima giornata, ne mancano ancora 24 e può accadere di tutto", ha commentato il fantasista rossoblù.

Che nelle ultime giornate è parso in grado di reggere in campo per quasi tutta la partita: "Le mie condizioni fisiche sono ottimali, ma non da adesso, dalla seconda settimana di settembre", ha spiegato in un'intervista a Studio100. E ha tenuto a sottolineare che il ritorno di mister Luigi Panarelli è sì importante, solo che le sue condizioni non dipendono dall'allenatore: "Gli schemi del mister ci mettono a nostro agio perché molti di noi hanno la fortuna di conoscerlo, ma la mia rinascita è coincisa con il ritorno in campo. Al di là del modulo, che si attua in base alle caratteristiche dei calciatori, è importante affrontare ogni partita con la mentalità giusta".

E allo Iacovone ci sarà la prova: "A partire da domenica pomeriggio con l'Agropoli, squadra che qualcuno dava già per spacciata, ma che domenica scorsa ha messo in difficoltà il Fasano".
MRB.it Tag:
serie d
girone h
lnd
taranto
d'agostino
agropoli
panarelli