Napoli sprecone a Genk, Suarez ribalta l'Inter, Liverpool-Salisburgo da antologia
CHAMPIONS LEAGUE | Per i nerazzurri non basta un super primo tempo, i Reds rischiano una rimonta incredibile ad Anfield
Altre di Calcio Tutte le News
Calcio Tutte le News
Foto Instagram Suarez
Armando Torro | 2 Ottobre 2019 - 23:10
Tempo di lettura: 2 minuti e 42 secondi
Il mercoledì di Champions League lascia l'amaro in bocca a Napoli e Inter. La squadra di Ancelotti spreca ben cinque occasioni nel primo tempo per vincere contro il Genk: protagonista in negativo Milik che colpisce due traverse, mentre Koulibaly si ritrova con l'urlo strozzato in gola dal salvataggio sulla linea di Hrosovsky. Lo 0-0 tiene fino al 90' e segna il primo punto per i belgi, mentre gli azzurri avrebbero potuto allungare su Liverpool e Salisburgo.
Perché il match tra i campioni in carica e gli austriaci è ricco di gol come da pronostico, ma con una successione che dalle parti di Anfield ricordano bene: 3-0 Reds in mezz'ora nel primo tempo con protagonista il tridente di Klopp (gol per Salah e Mané, che la sblocca, assist per Firmino), ma dopo 3' il coreano Hee riapre. Nel secondo tempo bastano altri quattro giri di orologio tra il 56' e il 60' per scatenare Minamino e Haland che confezionano il 3-2 e il 3-3, ma dopo un paio di occasioni fallite Salah realizza la doppietta personale su gran sponda di Firmino e il definitivo 4-3 che non diventa pokerissimo per pochi centimetri con Mané.

Anche l'Inter ha da recriminare per le occasioni non concretizzate e per aver trovato sulla sua strada un super Ter Stegen per oltre 45' superato solo da Martinez a partita appena iniziata. Nella ripresa i nerazzurri calano e l'ingresso in campo di Vidal per Busquets cambia la partita, ma servono due autentiche prodezze di Suarez per la rimonta blaugrana. È la quinta sconfitta dell'Inter al Camp Nou nella moderna Champions, ma almeno ha rotto il tabù dei gol nel tempio catalano anche se potevano essere di più.
Non si mettono bene le cose nel girone per i nerazzurri perché il Borussia Dortmund vince in casa dello Slavia Praga e scappa a +3 sulla banda Conte in attesa del doppio confronto con i tedeschi: nell'altra gara pomeridiana decide una doppietta del terzino Hakimi in serata di grazia.

Lo 0-2 è lo stesso risultato che risolleva il Lione a Lipsia e porta i francesi al primo posto del gruppo G insieme allo Zenit che affonda il Benfica troppo poco incisivo davanti. Chi non ha di questi problemi è l'Ajax che si conferma una squadra dal bel gioco e ne rifila tre anche al Valencia a domicilio con protagonisti Promes e Ziyech, ma ringrazia Parejo che sullo 0-1 calcia fuori il rigore del possibile pari. Ne approfitta il Chelsea vincente a fatica sul Lille che tiene testa ai Blues nel primo tempo e soccombe nella ripresa alla superiorità tecnica dei londinesi.

Genk-Napoli 0-0

Liverpool-Salisburgo 4-3
9' Mané, 25' Robertson, 36',69' Salah (L); 39' Hee, 56' Minamino, 60' Haland (S)
Sl.Praga-Borussia Dortmund 0-2
35',89' Hakimi
Barcellona-Inter 2-1
58',84' Suarez (B); 2' Martinez (I)
Lipsia-Lione 0-2
11' Depay, 65' Terrier
Zenit-Benfica 3-1
22' Dzyuba, 70' Dias a, 78' Azmoun (Z); 85' De Tomas (B)
Lille-Chelsea 1-2
33' Osimhen (L); 22' Abraham, 78' Willian (C)
Valencia-Ajax 0-3
8' Ziyech, 34' Promes, 67' Van De Beek
MRB.it Tag:
uefa
champions league
napoli
genk
inter
barcellona
suarez
liverpool
salisburgo