Le pagelle: deludono De Caro e Guaita, Giappone il migliore
CASARANO-TARANTO 0-1 | Non una bellissima prestazione, ma la squadra ottiene i tre punti
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
Mario Giappone in allenamento allo Iacovone
Emiliano Fraccica | 8 Settembre 2019 - 18:50
Giappone, 7: chiamato poco in causa ma sempre reattivo. Mette in angolo un tiro al volo di Tiscione, e sulla botta dalla distanza di Morleo devia quanto basta per mandare sul palo. In generale dà sicurezza al reparto.
De Caro, 5: più ombre che luci nella sua partita, la volontà c’è ma spesso si fa saltare con troppa facilità. Giallo meritato per l’entrataccia in scivolata su Tiscione, e in più tanti passaggi sbagliati.
L. Manzo, 6: anche se sbaglia qualcosa nelle chiusure, si rivela il più attento in difesa. Sulle palle alte, pur avendo difficoltà, si fa valere.
Allegrini, 5.5: alterna buone giocate a errori non da lui, deve migliorare nella gestione della concentrazione.
Guaita, 5: nel primo tempo prova qualche sortita sulla fascia, riuscendo poche volte ad arriva avanti, la ripresa lo vede più arretrato per aiutare i compagni e quindi scompare dai radar.
Matute, 6: primo tempo più in sordina, nella ripresa esce fuori la sua superiorità fisica e aiuta il centrocampo nel possesso palla (dal 35’ st Benvenga, s.v.)
Galdean, 6: gioca bene nella prima parte di gare, poi però cala il ritmo e viene pressato bene dagli uomini del Casarano (dal 12’ st S. Manzo, 5.5: cerca di tenere palla e far salire i suoi ma spesso se la fa sottrarre dagli avversari. Spende bene il giallo).
Cuccurullo, 6.5: gran prova di personalità per lui, che, aiutato molto da Galdean, sa ritagliarsi molto bene spazio utile a centrocampo, riuscendo anche spesso nell’uno contro uno (dal 4’ st Marino, 6.5: entra benissimo in campo, sa tenere palla e con la sua vivacità attaccare anche la difesa avversaria. Bravissimo nel far scorrere i minuti a fine partita).
Ferrara, 5.5: match sottotono del terzino rossoblù, gioca da quinto di centrocampo ma soffre molto le sortite offensive avversarie (dal 39’ st Riccio, s.v.)
Genchi, 6.5: sblocca l’incontro con un gran sinistro sotto il sette, ma poi commette l’ingenuità di mettersi a tu per tu con D’Aiello. L’arbitro decide di espellerlo.
Favetta, 6: grande assist di caparbietà per Genchi, dopo si eclissa per la maggior parte del tempo, viene chiuso bene dai difensori del Casarano (dal 28’ st Croce, 5.5: il suo ingresso non dà al reparto offensivo la svolta sperata, anche perché la difesa ha vita facile contro di lui).

Ragno, 6.5: il Taranto doveva vincere e ha vinto. Certo gli ionici soffrono un po’, ma alla fine conquistano i primi 3 punti del campionato. Da migliorare il gioco, ma la materia prima c’è.

Casarano, 6.5: la squadra di mister De Candia si mostra compatta e ben messa in campo all’esordio, e mette alle corde il Taranto per quasi tutta la ripresa. Unica pecca il poco cinismo sotto porta.

Arbitro, 5:
 il sig. Ancora non passa una domenica tranquilla. Giusta la simulazione di Ferrara, ma poi si fa gabbare dalla goffa sceneggiata di D’Aiello, che lo induce a sventolare il cartellino rosso davanti al naso di Genchi. Concede un rigore assurdo al Casarano, ma fortunatamente il guardalinee segnala il fuorigioco. In generale fischia dove non serve e lascia giocare dove dovrebbe intervenire.

MRB.it Tag:
serie d
lnd
girone h
taranto fc
casarano
casarano-taranto