Recchia, 'Il Taranto ha bisogno di trovare la condizione fisica'
TARANTO FC | Intervista esclusiva al Mister Mimmo Recchia
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
Angelica Grippa | 13 Agosto 2019 - 12:41
Il mister Mimmo Recchia dopo tanti anni nel settore giovanile del Taranto e una scuola calcio che guida da 25 anni, si confessa ai microfoni di MondoRossoBlù.

Signor
Recchia, parliamo del Taranto e delle partite che ha disputato ieri nella triangolare contro San Giorgio e Rotonda? Che squadra ha visto in campo?
Ho visto una squadra contratta, che ha ancora da lavorare com’è giusto che sia in questa fase. Non è pronta sotto l’aspetto fisico e tatticamente si è visto poco.

Ma dipende dai nuovi innesti, si deve ancora creare il gruppo?
Dipende dalla condizione fisica, la squadra non è pronta, soprattutto con il San Giorgio ho visto una squadra che è uscita poco. Scarse le trame di gioco, i calciatori che buttano a caso la palla, verticalizzazioni e giocate forzate. In questa fase pre-campionato c’è ancora da lavorare.

Ma la rosa del Taranto è completa, o necessita di altri innesti?
In questo momento bisogna solo aspettare, ad esempio il calciatore Matute ieri non ha espresso un gran calcio, ha sbagliato parecchi passaggi, lanciava spesso la palla, spero sia la sua condizione approssimativa e che possa mostrare il suo valore in campionato.

La settimana scorsa abbiamo conosciuto i gironi, cosa pensa di quello delle pugliesi?
Il girone più difficile di tutta l’Interregionale, è tradizione che sia il più tosto, vi militano tanti calciatori che scendono dal professionismo. Ci sono squadre che spendono di più, il Taranto ha fatto un’ottima squadra e ha bisogno di trovare la condizione. Il Casarano e il Bitonto hanno fatto ottimi acquisti, il Foggia farà sicuramente la squadra per la sua storia, poi c’è sempre l’outsider come l’anno scorso il Picerno. Non sarà semplice per i rossoblù.

Ma il Taranto resta tra le favorite del girone?
Dico di sì, ma personalmente dico che gli under del Taranto non mi hanno fatto una grande impressione. Ma anche nelle avversarie da quello che leggo non c’è molto in questo senso. Quello che più mi fa preoccupare è la tradizione degli ultimi anni di mettere un under in porta, io metterei un portiere over, Taranto è una piazza particolare si sente tanta la pressione. Dico che un ragazzo giovane può sentirla tanto, è solo un mio parere personale, forse anche da tifoso. Probabilmente Mister Ragno avrà più chiara la situazione allenandoli tutti i giorni.

Il post sulla sua pagina personale di Face che parlava di ‘anticalcio’ per un episodio al 31 minuto del match, poi rimosso, a cosa si riferiva nello specifico?
Io quando ho smesso di giocare, ho scelto il settore giovanile, ho aperto una scuola calcio che ho da 25 anni, e insegno calcio. Nel momento in cui ho avuto la possibilità di allenare ho fatto giocare sempre quelli più bravi. Io non vorrei che a Taranto come in altre parti passino avanti altre dinamiche inaccettabili. I calciatori devono sudare anche negli allenamenti e dare tutto in campo. Non capisco perché i ragazzi di Taranto rispetto ai calciatori di Lecce e Bari devono essere penalizzati. Sono solo per il merito perché Taranto e una grande piazza e ho una grande esperienza nel settore giovanile.
MRB.it Tag:
taranto fc
serie d
serie d girone h
lnd
mimmo recchia