Pane al pane
LE VOCI DI MRB.IT | La società con tempismo annuncia il futuro prossimo
Roberto Orlando Tutte le News
Le Voci di MRB.it Tutte le News
foto Luca Barone
Roberto Orlando | 29 Giugno 2019 - 07:00
Dopo la lucina accesa questa mattina dalla Gazzetta del Mezzogiorno (leggi qui), dove si sono elencati i tanti ostacoli sulla strada tra il Taranto e la serie C, la società del presidente Giove ha emesso una nota stampa in cui esprime chiaramente ciò che sarà. Mentre in questi giorni l’unico pensiero di tutti è stato nei confronti delle società che avrebbero presentato la domanda di ripescaggio, le beghe per i lavori al Monterisi, le indecisioni di Mantova e Pro Sesto e tante altre amenità, ci siamo dimenticati del Taranto di Giove. In che senso?

Il Taranto non è ripescabile, non l’abbiamo dimenticato e a frenare l’entusiasmo ci ha pensato anche il presidente della Lega Pro Ghirelli, come riportato sulla nota stampa del Taranto: la preclusione dei cinque anni è sempre esistita, ma molti se lo sono dimenticato, presi dalla frenesia di tirare i piedi al Cerignola o di fare la conta dei pretendenti alla serie C. Nessuno mette in dubbio la volontà del presidente Giove di provare questa carta, ma sembra che i tempi non siano maturi: quelle famose “coincidenze e fattori” citate da Giove martedì scorso (leggi qui) non sembrano andate nel verso giusto e non è solo una questione economica. I criteri infrastrutturali devono essere soddisfatti entro la data di presentazione della domanda (seggiolini piantati sugli spalti, illuminazione ed altro) e non dimentichiamo quanto espresso anche dal Sindaco Melucci, ovvero che “tutte le forze della città si devono muovere”: il sostegno economico alla società ci deve per forza essere, lo stesso Giove ha sempre dichiarato che questo sforzo lui non può reggerlo da solo.

Insomma, occorre attendere adesso che termini l’iter per i ripescaggi in essere: il Taranto non presenterà la domanda giorno 5, attenderà che terminino le procedure, dopodiché, se ci saranno ancora vacanze, potrà tornare in gioco attraverso l’apertura di un altro bando. Le stesse identiche indicazioni la Lega Pro le ha dette anche alla Turris (leggi qui), quindi non vorremmo già pensare che i corallini saranno i nostri competitor nel remoto caso di riapertura dei termini.

Nel frattempo per martedì è prevista la conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico Ragno, del DS Sgrona e dei primi colpi di mercato (Genchi?): quanto dichiarato questa sera, ovvero “costruire una squadra per vincere il campionato di serie D”, deve essere, ora, il focus sul quale concentrarsi tutti, in attesa di una serie C che sia un obbiettivo e non una chimera.
MRB.it Tag:
taranto fc
serie d
serie c