Dal campo B... ai campi di C?
LE VOCI DI MRB.IT | L' 'humus in fabula', dalla rubrica di Marcello Fumarola
L'humus in fabula Tutte le News
Le Voci di MRB.it Tutte le News
Marcello Fumarola | 26 Giugno 2019 - 07:29
Settimana piuttosto interlocutoria dal punto di vista della costruzione della squadra, minimamente movimentata invece dall'indagine avviata in merito alla partita tra Picerno e Bitonto.
il pensiero va a quanto accadde prima di quel Taranto-Matera, in cui qualcuno dalla Lucania propose un sacchetto (non di immondizia) ad un nostro giocatore (Miale) per..."raccogliere" un buon risultato.
Ebbene quell'accertato tentativo di "aggiustare" la partita costò, molto tempo dopo, la miseria di 4 punti di penalizzazione.
Ecco perché prendo atto dell'avvio delle indagini ma non mi illudo che ciò possa portare vantaggi ai nostri colori anche a causa della posizione di classifica finale ottenuta.

È c'è poco da sorprendersi di situazioni come questa, tanto che non a caso è partita la proposta di non consentire le scommesse in serie D che, forse qualcuno dimentica, resta una categoria dilettantistica (anche se solo nella denominazione).
Questi tristi aspetti, queste strane situazioni, purtroppo rientrano, per alcuni, nel "bello della serie D". Illeciti consumati in categorie superiori laddove i giocatori percepiscono cospicui ingaggi, trovano quasi fisiologicamente maggior spazio in un campionato dove i soldi che girano per gli ingaggi non sono "documentabili" ed in ogni squadra giocano almeno 4 ragazzini dai 18 ai 20 anni.
Constatazione triste, lo so, ma, a quanto pare, tristemente realistica.

Tornando velocemente alle "cose tecniche", la porta rossoblu è, al momento, scoperta.
Non si sa se si è perso "il treno" per l'acquisto di Giappone .
Manzo ed Oggiano confermati mentre Favetta (come la scorsa estate) rimane ancora in sospeso; i nomi che circolano, soprattutto per il reparto offensivo, sono talmente "riciclati" che ti verrebbe quasi da dire, sospirando: Taranto mio...ti AMIU; battute a parte aspettiamo i primi "colpi" targati Sgrona che appaiono imminenti e "sostanziosi" (Genchi, Guaita tra quelli indicati ormai chiusi).

Tra una settimana dovrebbe essere ufficializzato anche il nome del mister; dopo quanto letto e detto, se non fosse Ragno sarebbe una sorpresa notevole e negativa, a meno che non ne arrivi uno palesemente più bravo ed affidabile; ma anche su questo argomento...l'ottimismo è il profumo della vita!

Ora incombono le iscrizioni in Lega Pro sulla base delle quali si potrà avere qualche elemento in più in ottica ripescaggi. Il vice presidente di Lega,Tognon, si è detto ottimista sul raggiungimento del numero di 60 squadre.

Proprio in ottica ripescaggio si segnalano i movimenti più interessanti.
Il "Binda pensiero" e la conferenza congiunta Melucci/Giove hanno corroborato le speranze dei tifosi rossoblu, al momento mortificate da un regolamento che qualcuno (Binda appunto) sostiene addirittura essere cambiato (al momento non ne abbiamo riscontro).
Ampio ottimismo in merito allo stato dei lavori allo Iacovone nelle parole di Melucci. La "chiamata alle armi" da parte del Sindaco rivolta a "coloro che possono e devono iniziare a restituire qualcosa alla città" non sembra inoltre abbisognevole di essere decriptata e nel caso, lasciamo ad altri il compito e la discussione sui "destinatari della missiva" che già in passato ha diviso la tifoseria.
Abbiamo sempre scritto, però, che la società deve avere solidità economica tale da sostenere il ripescaggio "fai da te" e che qualsivoglia supporto dovrà essere un fattore aggiunto e non indispensabile.
Le parole del presidente, in tal senso, come già scritto le scorse settimane trasudano giusta cautela ma indicano quale condizione "sine qua non" una "collaborazione allargata" le cui modalità di attuazione sarebbero comunque tutte da verificare.

Non resta che attendere che ai buoni propositi seguano i fatti.
Perché la serie D è una giungla, lo abbiamo imparato sulla nostra pelle, e se non costruisci una rosa di tanti Tarzan (e magari qualche Cita...) non ne vieni fuori.
Per salire di categoria hai due soluzioni: tentare il ripescaggio, con un cospicuo investimento ma con la certezza del risultato, oppure fare "letteralmente" uno squadrone; con un investimento forse anche superiore e senza alcuna certezza di vittoria perché, in questo torneo "l'immunità da sconfitta", quello è sicuro, non te la regala nessuno.
MRB.it Tag:
taranto fc
serie c
serie d