Il dj c'è... ora la playlist!
LE VOCI DI MRB.IT | L' 'humus in fabula', dalla rubrica di Marcello Fumarola
L'humus in fabula Tutte le News
Le Voci di MRB.it Tutte le News
foto Luca Barone
Marcello Fumarola | 19 Giugno 2019 - 09:16
Periodo di conferme in casa rossoblu, in attesa di conoscere il nome del nuovo mister; conferme da salutare, tutte a mio avviso, positivamente.
Perché al di là del valore dei singoli (spesso soggettivo) è fondamentale mantenere una solida base di partenza ed i giocatori già confermati, unitamente a quelli che lo saranno a breve (l'ultimo è stato Manzo al quale dovrebbe seguire Favetta) la rappresentano.
È vero anche che, in primis D'Agostino, è qui da due anni e la vittoria del campionato non è arrivata; quindi appare lapalissiano che, oltre le conferme, servirà molto altro.
Gli stessi Lanzolla e Ferrara (ottimo under), unitamente a Bova, nella prima fase del campionato hanno sofferto senza un leader come Vito Di Bari, che invece ha già salutato e va adeguatamente sostituito; ecco perché ogni definitivo giudizio potrà cambiare in base a quelle che saranno le mosse di Sgrona per la definizione della rosa 2019/20 che dovrà evitare, per fare un altro esempio, al povero Favetta di sobbarcarsi la fase offensiva, da solo, per metà campionato.

Le conferme dimostrano altresì che Sgrona sta già lavorando su precise indicazioni del futuro mister (non può essere diversamente) e sempre in quest'ottica starà valutando i futuri acquisti.

Tra questi ci sarà il portiere Giappone? Auspicabile, visto che il ragazzo ha già giocato un intero campionato (a Marsala in serie D) da 2001 (quindi fuori range), distinguendosi talmente tanto da attirare le attenzioni di club di categoria superiore (il Parma?) che lo avrebbero girato direttamente in Lega Pro. Le credenziali offrono ampie garanzie tanto da poter affermare che questo Giappone, Sushi...ta davvero notevole interesse.
Pareva potesse firmare già nel fine settimana ma l'ufficialità, mentre scrivo, non è ancora arrivata.
Che non succeda che arrivi Nino D'Angelo a cantare "Maledetto treno che me l'hai portato via!", perché noi siamo fan di Michael Cretu e siamo già pronti a cantare sulle note dance della sua "Samurai".

Leggendo le ultime dichiarazioni rilasciate a mondorossoblu pare che il Presidente voglia far tesoro degli errori commessi nei suoi quasi due anni di gestione.
Ottimo punto di partenza per una stagione diversa.
Resta inevitabilmente cauto, Giove, sul ripescaggio e in effetti la situazione appare, ad oggi, piuttosto indecifrabile sotto qualsiasi punto di vista. Da evitare, però, ulteriori contraddizioni con il direttore Montella (che aveva annunciato la presentazione della domanda il 4 luglio) mentre lo stesso Giove ha ribadito di non poter affrontare l'impegno (e quindi fare domanda di ripescaggio) "da solo".
Pur ritenendo poco opportuno portare il paragone di quanto accaduto a Bari, la scorsa estate, grazie al primo cittadino Decaro (campanilismo a parte è chiaro che nel capoluogo di regione tante cose accadano più facilmente...) il discorso sulle sinergie e sull'intervento della città in ottica ripescaggio è condivisibile ma, come sempre detto, la forza economica, lo sforzo e l'intervento della società devono essere decisamente maggioritari rispetto agli eventuali "contributi esterni"; ciò a garanzia di una solidità economica e della capacità di poter non solo approdare ma ancor meglio affrontare un campionato professionistico.

Intorno al Taranto, comunque si respira un certo ottimismo; ciò può essere legato a nuove risorse in arrivo? Chissà, potrebbe anche essere un Eni...gma.
La provenienza di queste eventualissime risorse potrebbe far storcere il naso a qualcuno?
Negli ultimi due anni ho spesso letto che ciò che conta è il sostegno alla squadra e la maglia sudata; delle vicende societarie, il tifoso non dovrebbe interessarsi; continuerebbe ad essere questo il "mantra" della tifoseria, oppure se si dovessero affacciare "sgraditi sponsor", la squadra ed il campo passeranno in secondo piano?
Il tempo ci dirà, come sempre; per ora possiamo sperare di ritrovarci, la prossima settimana, a commentare qualche significativo ulteriore segnale (sotto forma di acquisti mirati ed altamente competitivi) della volontà di vincere il prossimo campionato che si prospetta (anche se è ancora molto presto per dirlo) più competitivo di quello appena concluso, con un paio di "baresi" ed il Casarano che sembrerebbero seriamente intenzionati a disputare un campionato di vertice.
Per ora, come premesso, le basi sono buone nonché consolidate; ora ci vuole altra gente all'altezza cosi che "base x altezza", unitamente alle geometrie del mister che verrà, possiamo trovare finalmente il procedimento giusto per la soluzione "D" questo annoso problema.
MRB.it Tag:
taranto fc
serie d