Taranto, la stagione non finisce domenica
LE VOCI DI MRB.IT | Una montagna da scalare, Giove agguerrito. Squadra pronta?
Roberto Orlando Tutte le News
Le Voci di MRB.it Tutte le News
foto Luca Barone
Roberto Orlando | 14 Maggio 2019 - 07:52
La scalata al ripescaggio non finirà domenica, soprattutto in caso di eventuale vittoria a Cerignola. Nonostante gli ofantini abbiano a disposizione due risultati su tre e non perdono in casa da oltre un anno, il Taranto può giocarsi le sue carte, se davvero convinto di ciò. Ma vincere potrebbe non bastare, una volta definita la graduatoria finale.

Giove ha riscaldato gli animi, chiedendo un arbitraggio all’altezza e attaccando direttamente il designatore Trefoloni. Una dichiarazione al limite, sicuramente dettata dall’importanza della posta in palio: il luogo comune del rigore facile per il Cerignola deve lasciare però il posto ad una prestazione importante, eccezionale. I gialloblù hanno concluso la regular season con zero sconfitte in casa e ci vorrà davvero il miglior Taranto per battere l’undici di Bitetto.

Il primo appuntamento per il Taranto è il sopralluogo da parte dell’ingegner Verzillo (Lega Pro) allo Iacovone, per certificarne lo stato e suggerire i lavori da eseguire per essere a norma. I criteri infrastrutturali sono stringenti e molti Comuni, proprietari degli stadi, stanno eseguendo i lavori di ammodernamento, a volte con qualche “mal di pancia”. Giove e Melucci, a detta del presidente rossoblù, stanno lavorando in sinergia e da parte dell’Amministrazione Comunale c’è l’attenzione e la volontà di far trovare lo Iacovone a norma.

Giorno 16 maggio si terrà il Consiglio Federale che stilerà il regolamento per i ripescaggi in Serie C, passo fondamentale per chiunque. Finalmente si sapranno quali sono i parametri da rispettare, societari, economici, sportivi. Avere la circolare a metà settimana, a pochi giorni dalla finale, però, potrebbe essere un’arma a doppio taglio, caricando (o sgonfiando) le velleità di chiunque nel caso di impedimenti normativi. Un esempio? Proprio chi si è avvalso del ripescaggio negli ultimi cinque anni potrebbe vedersi tagliare le gambe nel caso di conferma di tale regola: con quale stato d’animo si scende in campo, in quel caso? Decadrà il vincolo? Vedremo.

Nel frattempo, si vive la settimana più lunga della stagione: l’anno scorso in finale i rossoblù vennero sconfitti dalla bestia nera Cavese al “Lamberti” e domenica occorrerà davvero un’impresa sportiva. Panarelli saprà caricare la squadra e poter contare su un undici titolare all’altezza per riuscirci. Forza ragazzi, siamo con voi.
MRB.it Tag:
serie d
playoff
audace cerignola
trefoloni
playoff
taranto fc