Largo successo contro il Manfredonia. Il Taranto raggiunge il terzo posto
TARANTO-MANFREDONIA 8-1 | Apre D'Angelo, pareggia La Forgia. Poi i rossoblù dilagano e vince con il risultato di 8-1
Taranto Fc Tutte le News
Calcio Tutte le News
L'esultanza rossoblù - foto Luca Barone
Emiliano Fraccica | 22 Aprile 2018 - 17:30
Quando una partita finisce 8 a 1 ci sarebbe poco da commentare, eppure sono proprio vittorie larghe come questa che danno il senso di quanto il Taranto avrebbe potuto dare a questo campionato se avesse iniziato a giocare da agosto. Il Taranto di oggi è stato grintoso, affamato e insaziabile, demolendo nella ripresa un Manfredonia già condannato all'Eccellenza. 8 gol che possono risultare utilissimi nel testa a testa con l'Altamura per il terzo posto, il gol ospite arriva su una leggera distrazione, ma quando si vince così "who cares?"

PRIMO TEMPO: Al 5' pericoloso il Taranto, cross profondo di Ancora, testa di Giorgio che fa la torre per Favetta, il numero 94 incorna ma debolmente, e la palla finisce innocua tra le braccia di Grasso. All'11' gli ionici passano in vantaggio: corner di Marsili sul secondo palo e zuccata precisa di D'Angelo che va a insaccarsi in rete. Al 14' Ancora si accentra dalla sinistra e scarica il destro, la palla finisce sull'esterno della rete. Al 30' si fanno vedere gli ospiti: La Forgia recupera palla al limite e prova il destro a giro, la palla deviata da D'Angelo, esce di un soffio. Al 33' il Taranto sfiora il raddoppio: punizione di Marsili che arriva sulla testa di Favetta, il suo colpo di testa finisce alto di pochissimo. Al 36' Marsili ci prova addirittura dalla bandierina, Grasso deve fare appello a tutti i suoi riflessi per alzare il pallone sopra la traversa. Al 40' Ancora tenta di liberarsi al limite, il suo destro però è troppo lento per impensierire Grasso. Al 44' Rinaldi esplode il sinistro dai venti metro, la palla esce di poco.

SECONDO TEMPO: Al 1' ci prova subito Favetta con una splendida azione personale che parte dall'out di sinistra, il bomber rossoblu entra in area e prova il destro potente, la palla fischia sopra la traversa. Due minuti più tardi altra chance per l'attaccante ionico, che gira di testa una punizione di Marsili dalla destra, provvidenziale il tuffo di Grasso che allontana. Al 7' Giorgio crossa rasoterra per il solissimo Favetta, il 94 ionico deve arrivarci in scivolata ma la sua conclusione lambisce il palo e termina sul fondo. Al 9' arriva il pareggio del Manfredonia: lancio illuminante di La Porta che mette La Forgia solo davanti a Pellegrino, il rasoterra del 9 dauno batte il portiere ionico in uscita. Al 13' però il Taranto torna in vantaggio: Favetta conquista palla ai venticinque metri e fa partire un bolide che si insacca nell'angolino alto, nulla da fare per Grasso vanamente proteso in tuffo. Al 16' imbeccata profonda per Diakitè che prova a beffare Grasso con un pallonetto, la conclusione è però imprecisa e termina sul fondo. Al 19' ecco il 3 a 1 del Taranto: lancio preciso di Marsili a trovare Diakitè in posizione regolare, il 9 rossoblu aspetta Ancora e lo serve a porta vuota, facile per il 10 ionico mettere dentro. Al 21' c'è spazio anche per il 4 a 1: dopo un batti e ribatti la palla arriva a Diakitè che si coordina per la semirovesciata e si inventa un supergol, niente da fare per Grasso. Al 29' il 5 a 1 del Taranto: altro assist per Marsili che serve Ancora in buona posizione, il 10 rossoblu prende la mira e con un piattone destro spiazza Grasso. Al 31' arriva il 6 a 1: Marsili batte una punizione dalla linea di fondo, serve Galdean appostato fuori dall'area, il tiro al volo del centrocampista rumeno, con qualche leggera deviazione, termina nell'angolino basso. Al 35' Capua intercetta di testa su corner, la palla esce di poco. Al 42' Manfredonia in 10 uomini: Grasso placca Ancora che stava andando a segnare, inevitabile il rosso diretto per lui. Al 45' arriva anche il 7 a 1: punizione pennellata splendidamente da D'Agostino che la mette sul secondo palo, Prencipe immobile. Al 46' c'è anche spazio per l'8 a 1: grande lancio dalle retrovie di D'Angelo, Diakitè controlla e la piazza beffando Prencipe.

TARANTO-MANFREDONIA 8-1
Serie D/H 2017/18, 32a Giornata - Dom 22.04.2018
TARANTO (4-3-3): 1 Pellegrino; 2 Corbier (39'st 32 Boccadamo), 5 D'Angelo, 8 Marsili, 3 Cacciola (32'st 6 Giannotta); 92 Capua, 89 Galdean, 11 Gori (12'st 9 Diakite); 33 Giorgio (12'st 7 Portoghese), 94 Favetta (26'st 8 D'Agostino), 10 Ancora. A disposizione: 99 Pizzaleo, 13 Bilotta, 27 Palumbo, 97 Li Gotti. Allenatore: Michele Cazzarò
MANFREDONIA (4-3-3): 1 Grasso; 2 Granatiero (24'st 20 Falco), 5 Rubino, 6 Maffiola, 3 Tristano; 7 Rinaldi, 4 Russo, 8 Stoppiello, 11 Genchi (14'st 19 Quitadamo, 43'st 12 Prencipe). A disposizione: 13 Ciuffreda, 14 Brigida, 15 Falcone, 16 Gallo, 17 Martino, 18 Rendine. Allenatore: Lorenzo Mancano
Arbitro: Graziella Pirriatore di Bologna
Assistenti: Andrea Barcherini di Terni e Riccardo Marchionni di Foligno
MARCATORI: 11'pt D'Angelo (T), 9'st La Forgia (M), 13'st Favetta (T), 18'st Ancora (T), 20'st Diakite (T), 28'st Ancora (T), 31'st Galdean (T), 44'st D'Agostino (T), 46'st Diakite (T)
Ammoniti: Ancora (T), Stoppiello (M)
Espulsi: Al 41'st Grasso (M) per gioco falloso
Note: Angoli: 6-1. Recupero: 1'pt, 4'st. Stadio "Erasmo Iacovone" di Taranto, inizio gara ore 15.00.
MRB.it Tag:
taranto fc
taranto-manfredonia
serie d
manfredonia