Esordio magico per Cazzarò. Il Taranto annienta la capolista
TARANTO-FIDELIS ANDRIA 4-1 | In gol Genchi, Ciarcià, Gabrielloni e Porcino. 4-1 il finale

  • Emiliano Fraccica
  • 29 Marzo 2015 - 17:15
 
Ciarcià esulta (foto Barone)
Il miglior Taranto della stagione l'abbiamo visto oggi, 29 marzo, quando (forse) è troppo tardi per poter ancora ambire al primo posto: propositivo, cinico, aggressivo su ogni pallone. Sicuramente è stato un piacere per gli occhi, ma non si può non pensare a quanti punti avremmo tuttora se avessimo giocato ogni gara con questa intensità. L'Andria si fa prendere a pesci in faccia per tutti i 90 minuti, e oggi aveva ben poco della solita baldanza, ma i rossoblu sinceramente non hanno lasciato alcuno spazio agli uomini di mister Favarin, ricompensando gli oltre 4000 tifosi (record stagionale) che a ogni gol facevano tremare le fondamenta delo Iacovone. Buona la prima per Cazzarò, sicuramente questa vittoria così brillante è anche merito suo.

PRIMO TEMPO Parte bene il Taranto: al 7' serpentina pericolosa di Ciarcià ma il tiro potente finisce fuori; un minuto più tardi azione insistita dei padroni di casa, Mignogna arriva al tiro, una conclusione senza pretese, ma Cilli respinge goffamente e sulla respinta si fionda come un rapace Gabrielloni, che cerca di saltare il portiere ma viene steso da un'uscita a valanga dello stesso: l'arbitro concede il penalty. Sul dischetto si presenta il solito Beppe Genchi che, con freddezza, spiazza Cilli. 1 a 0 per il Taranto, e si scatena la bolgia dello Iacovone. La gara si fa maschia, come testimoniano le 4 ammonizioni comminate in totale dal sig. De Remigis in meno di un quarto d'ora. Al 14' ci prova Marsili su calcio piazzato dal vertice dell'area, Cilli stavolta è attento e allontana con i pugni. L'Andria sembra aver subito il colpo e non riesce a uscire dalla sua metà campo, merito anche di un Taranto molto generoso e pressante in fase offensiva. Gli ospiti cacciano fuori la testa dal sacco solo dopo i primi 25 minuti, ma il Taranto chiude tutti gli spazi e anzi, rischia di fare male su contropiede al 45' con Mignogna che però non riesce nell'assist decisivo, e al 47' con l'azione personale di Genchi, il cui tiro però finisce alto. La prima frazione dunque si chiude sul punteggio 1 a 0.

SECONDO TEMPO Al 1' altra azione pericolosa dei rossoblu: Gabrielloni imbecca Genchi di testa, scavalcando i difensori, il bomber tarantino si invola verso la porta ma si allunga troppo il pallone, e per Cilli è facile respingere. Al 4' un errore di Ciarcià scatena il contropiede di Moscelli, ma l'attaccante ospite non sfrutta a dovere l'occasione grazie anche al temporeggiamento di Pambianchi. Al 7' il Taranto raddoppia: Porcino scodella in mezzo una palla per nessuno ma Cilli e Diamoutene non si intendono, e il difensore mette fuori area di testa, sul pallone si precipita Ciarcià che lascia rimbalzare il pallone e poi scarica un siluro di mezzo esterno destro che si insacca non premiando il tuffo del portiere andriese. Al 12' altra occasione d'oro per i rossoblu con Ciarcià che la mette in mezzo morbida per Gabrielloni il quale salta più in alto di tutti ma non riesce a dare potenza al pallone, e Cilli ringrazia. L'Andria scompare dai radar e il Taranto segna il 3 a 0: al 29' Genchi riceve sull'out di sinistra, punta l'avversario e conquista il fondo, poi pennella un cross al bacio per Gabrielloni che, solo davanti a Cilli, la piazza di testa. Il Taranto si rilassa, dopo aver dominato incontrastatamente per un tempo e mezzo, e al 38' l'Andria arriva al gol con Moscelli che, in mischia su calcio d'angolo, riesce a trovare la zampata vincente. Ma come se questo gol fosse quasi un'offesa, ecco che il Taranto confeziona il poker: al 44' Mignogna riceve palla e si invola verso l'area, Diamoutene lo porta verso l'esterno, ma lui di destro mette in mezzo per l'accorrente Porcino, solissimo a porta sguarnita, incapace di sbagliare.

TARANTO-FIDELIS ANDRIA 4-1
Serie D/H 2014/15, 28° Giornata - Dom 29.03.2015
TARANTO : Mirarco; Ibojo, Marino, Pambianchi; Cicerelli, Ciarcià, Marsili, Porcino; Mignogna (45'st D'Avanzo), Genchi (38'st Gaeta), Gabrielloni (31'st Colantoni). A disposizione: Borra, Lecce, Vaccaro, Russo, La Gioia, Merico. Allenatore: Michele Cazzarò
FIDELIS ANDRIA: Cilli; Bova, Diamoutene, Aprile (14'st Volpicelli); Lavopa, Piccinni (26 st Giraldi), Lorusso (8'st Oliveira), Matera, Di Ronza; Moscelli, Olcese. A disposizione: Lullo, Rotunno, Disanto, Sundas, Imbriola, Safina. Allenatore: Giancarlo Favarin.
ARBITRO: Daniele De Remigis di Teramo
Assistenti: Michele Dell'Università di Aprilia e Tiziano Notarangelo di Cassino
MARCATORI: 9'pt Genchi rigore (T), 7'st Ciarcià (T), 25'st Gabrielloni (T), 38'st Moscelli (FA), 44'st Porcino (T)
AMMONITI: Ciarcià, Cicerelli (T), Cilli, Lorusso, Matera, Aprile, Piccinni, Giraldi (FA)
NOTE: Angoli: 4-2. Recupero: 2'pt e 4'st
MRB.it Tag: