Gli stra-inutili playoff – seconda parte
LE VOCI DI MRB.IT | Terminata (quasi) la prima parte dei playoff di serie D...
  • Roberto Orlando
  • 15 Maggio 2018 - 11:33
 
foto Luca Barone
I risultati: Terminata (quasi) la prima parte dei playoff di serie D, iniziamo a scremare dalle squadre eliminate al primo turno. Tenendo sempre bene a mente il leit-motiv di questa mini-rubrica , cioè che i playoff di serie D sono essenzialmente inutili, aggiorniamo comunque la situazione:

Girone A: Como – Pro Sesto 1-0, Caronnese – Chieri sospesa per impraticabilità di campo. Si recupera il 16.05.2018
Girone B: Rezzato – Darfo Boario 2-3, Ponte S. Pietro Pergolettese 1-2
Girone C: Campodarsego – Adriese 2-2 dts, Arzignano – Mantova 2-2
Girone D: Imolese – Sangiovannese 20 maggio, Forlì – Fiorenzuola 0-0 dts
Girone E: Unione Sanremo – Viareggio 1-0, Ponsacco – Real Forte Querceta 3-2
Girone F: Matelica – L’Aquila 3-0, Avezzano – Pineto 0-2
Girone G: Albalonga – Latina 2-1, Atletico – Trastevere 1-3
Girone H: Cavese – Cerignola 1-0, Altamura – Taranto 0-2
Girone I: Troina – Igea Virtus 20 maggio, Nocerina – Ercolanese 0-1

Torniamo al quoziente punti: in attesa delle sfide di semifinale Caronnese – Chieri, Imolese – Sangiovannese, Troina – Igea, possiamo già vedere che il Taranto ha guadagnato qualche posizione in classifica (wow!), in quanto Rezzato e Nocerina, che come quoziente punti erano meglio piazzate dei rossoblu. Nel caso il Taranto dovesse addirittura vincere a Cava (sarebbe la prima volta nella storia), male che vada la posizione finale sarebbe la sesta; naturalmente le restanti contendenti dovrebbero rispettare il fattore campo e quindi senza nessuna sorpresa. In caso di qualche exploit negli altri gironi, sarebbe tutto guadagno (di posizioni) per il Taranto.


Ta-dah! Sorpresa! A rendere ancora più ardua l’impresa di essere ripescati, ci ha pensato la FIGC, che proprio alla vigilia delle semifinali playoff ha ufficializzato, con Comunicato Ufficiale n° 42 dell’11 maggio, l’ingresso delle seconde squadre in serie C proprio dalla stagione 2018-2019. Le eventuali carenze di organico in terza serie, quindi, saranno colmate con società in quest’ordine: una seconda squadra di serie A, una società retrocessa dalla serie C e una proveniente dalla serie D. (Nota: per la stagione 2019-2020 l’ordine sarà: una seconda squadra di serie A, una proveniente dalla serie D e una società retrocessa dalla serie C). Ogni tipologia di società avrà una sua graduatoria (quindi, oltre la graduatoria che è in corso di formazione per la serie D con i play-off ce ne saranno altre due).

E quindi? Lungi da noi voler tirare i piedi alle squadre dei campionati professionistici in difficoltà, non possiamo che aspettare. Innanzitutto domenica la gara di Cava, dove si spera il Taranto possa farsi onore, e successivamente, in caso positivo, vedere la posizione occupata del Taranto in graduatoria. Prossimo step il 30 giugno, con l’effettivo conta delle squadre non ammesse/non iscritte ai campionati professionistici e, in contemporanea, la graduatoria delle squadre B (sarà interessante scoprire quante società di massima serie saranno disponibili, per allevare i propri giovani in terza serie, a pagare il contributo straordinario di un milione e duecentomila euro (€ 1.200.000,00!) alla Federazione ogni anno). Quindi capire realmente le intenzioni del presidente Giove (e da qui al 30 giugno si spera siano più chiare) e prendere coscienza se potremmo nuovamente giocare con le maglie con il nome sulla schiena o se sorbirci il sesto campionato dilettantistico in sette anni.
Nel frattempo riportiamo sempre il regolamento dei playoff, in attesa dei comunicati ufficiali per ciò che riguarda l’avvento delle squadre B, degli eventuali “caduti” al 30 giugno tra le squadre di serie B e C e per i criteri di ripescaggio.

IL REGOLAMENTO -Il regolamento dei playoff è contenuto nel Comunicato Ufficiale n° 72 del 19.12.2017 della LND e si svolgerà in questo modo:
- Partecipano le classificate dal secondo al quinto posto di ogni girone;
- L’accoppiamento delle squadre avverrà in base alla classifica finale. Seconda contro quinta, terza contro quarta, con partita unica in campo della migliore classificata in regular season. Se al termine dei supplementari dovesse persistere la parità passerà il turno la migliore classificata;
- Finale in casa della migliore classificata e stesse regole per le semifinali.
Al termine delle finali play-off, le squadre vincenti andranno a formare una graduatoria che terrà conto:
- Del quoziente punti in regular season
- Posizione in classifica
- Miglior piazzamento Coppa Disciplina.

A completare il punteggio di ogni squadra ci penseranno i bonus:
- La squadra vincitrice di Coppa Italia serie D, che avrà vinto i playoff di girone, vedrà aggiunto al suo quoziente 0,50 punti;
- La squadra perdente, invece, vedrà aggiunto 0.25;
- La squadra che avrà vinto il concorso “Giovani D Valore” vedrà aggiunto al suo quoziente 0,10;
- Alle squadre seconde e terze qualificate al concorso “Giovani D Valore” vedrà aggiunto 0,05 al suo quoziente punti.
MRB.it Tag:
taranto fc
serie d
@MRBSPORT