Lazic, 'Potenza non imbattibile. Il Taranto deve vincere lo scontro diretto'
SERIE D/H | 'Il Francavilla? Puntiamo a rinforzarci in questo mercato, soprattutto in difesa' - ha aggiunto
  • Maurizio Mazzarella
  • 05 Dicembre 2017 - 12:58
 
Ranko Lazic - foto Luca Barone
"La gara contro il Cerignola? Ci sono stati superiori, quando perdi 3-1 non puoi che fare i complimenti agli avversari". Sono queste le prime parole di Ranko Lazic, allenatore del Francavilla, rilasciate a MRB.it. "Il Cerignola è una squadra che lotterà sicuramente fino alla fine per la vittoria del campionato. Hanno cambiato molto e sono convinto che anche con questo mercato non si tireranno indietro".

Cosa serve al suo Francavilla per raggiungere gli obiettivi prefissati ad inizio stagione?
"Noi dobbiamo migliorare molto perchè fino ad ora non abbiamo disputato un buon campionato. Dobbiamo cercare di non perdere più gli scontri diretti e di migliorare nel reparto difensivo perchè abbiamo la peggior difesa del campionato. E' proprio in quel reparto che abbiamo i problemi maggiori, in quanto ci mancano dei giocatori proprio dal punto di vista numerico. Domenica avevamo a disposizione solo Marziale e Pagano. Abbiamo preso Scoppetta dal Taranto ma per quell'indagine in corso non lo abbiamo potuto schierare in campo. Comunque continuiamo ad essere vigili sul mercato per cercare di completare la squadra".

Scoppetta, ex rossoblù, è diventato un giocatore del Francavilla.
"E' un difensore di categoria, è un bravo marcatore e con lui crediamo che il nostro reparto difensivo diventi più solido e più forte. Fino ad ora abbiamo faticato un pò, abbiamo subito molti cambiamenti ed era arrivato il momento di rinforzarci meglio".

Un pensiero sul Taranto.
"Conoscevo tutti i giocatori acquistati in estate, allenatore compreso. Era la squadra da battere insieme al Cerignola, poi ha perso terreno rispetto alle prime posizioni. Il Cerignola, invece, nonostante il cambio di allenatore è ancora lì e i risultati attuali del Potenza stanno consentendo altre inseguitrici di rientrare in gioco per il primo posto. Comunque per avere un'idea chiara sulla situazione del Taranto occorre conoscere bene certe situazioni. Ho saputo che qualcosa nell'ambiente si è incrinato già ad inizio stagione e se questo non fosse avvenuto, la squadra rossoblù avrebbe potuto dire la sua fin dalle prime giornate".

In base alla sua esperienza, una squadra con 11 punti di distacco dalla prima, può ancora vincere il campionato?
"In campionati passati ho visto squadre sotto di 12 punti festeggiare la promozione a fine campionato. Ricordo l'Aversa Normanna di Boccolini, per esempio. Quella del Taranto è comunque una situazione difficile, perchè ci sono tante squadre tra lei e il primo posto come Cerignola, Altamura e Potenza. Molto dipenderà da qualche sarà il risultato nel match di domenica prossima contro il Potenza. Essere a -7 potrebbe aiutare".

Ma questo Potenza è imbattibile?
"Due settimane fa ha perso contro il Picerno. Non è imbattibile ma è sicuramente una squadra importante con un allenatore che non molla mai, come il suo presidente. L'ambiente ha un entusiasmo a mille. Quando le cose vanno bene è tutto normale, adesso sono curioso di vedere a che livello sia la maturità di questa piazza. Perchè è nelle situazioni difficili che bisogna non perdere la testa".

Un pensiero sul girone H di Serie D. Ma è un campionato spaccato in due?
"Si, credo di si. C'è chi lotta per i play-off e chi per non retrocedere. Forse sono solo 2 o 3 le squadre tranquille che possono ancora sperare di rientrare nella corsa verso i play-off ma che ormai sono quasi certe di non rientrare nella corsa per non retrocedere. Ma dal 15 Dicembre in poi vedremo sicuramente un altro campionato. Molte squadre si rinforzeranno e altre peggioreranno. Noi come Francavilla speriamo di riuscire a puntellare la rosa al meglio e di disputare un buon fine campionato".
MRB.it Tag:
serie d
ranko lazic