Cazzarò, 'Non penso ai record ma alle vittorie. Ripresa ci serva da lezione'
SPORTING FULGOR-TARANTO 2-3 | 'Non ho temuto mai di subire la rete del pareggio' - ha aggiunto
  • Andrea Loiacono
  • 12 Novembre 2017 - 17:30
 
Michele Cazzarò
Il Taranto a Canosa contro il Molfetta innesta la sesta e dimostra di essere una macchina quasi perfetta. Quasi perché i rossoblù stavano per vanificare un roboante primo tempo terminato 0-3 con una ripresa incolore che stava per costare cara ai ragazzi di Mister Cazzarò, presentatosi nella sala stampa dello stadio “San Sabino” di Canosa non del tutto soddisfatto: "Oggi eguagliamo un record, non capita tutti i giorni di ottenere sei successi di fila ma ci tenevo soprattutto a vincere. Nel primo tempo abbiamo avuto un approccio alla gara perfetto mentre nella ripresa abbiamo smesso di correre e di pressare e questo non dovrà più accadere. Sono arrabbiato per la gestione del secondo tempo ma il calcio è anche questo. Non ho temuto mai di subire la rete del pareggio ma mi sarei volentieri risparmiato qualche patema d'animo. Questo secondo tempo ci deve servire da lezione".

Il tecnico rossoblù spiega poi la sostituzione di Capua e il cambio di modulo: "Ho sostituito Capua perché non è ancora nelle migliori condizioni atletiche. Non credo che la sofferenza del secondo tempo sia dovuta al passaggio al 5-3-2".

Il Taranto nonostante questa vittoria non riesce a compiere un grosso balzo in classifica con Potenza e Cerignola ancora vittoriose. Il tecnico ionico ci scherza su: "Pensate cosa sarebbe successo se non avessimo vinto oggi. Al di là di questo, i miei calciatori devono solo pensare a dare il massimo dall'inizio fino alla fine, cosa che oggi non è accaduta. Ora pensiamo a ricaricarci in vista della prossima difficile gara di Cava de' Tirreni".
MRB.it Tag:
sporting fulgor-taranto
taranto fc
michele cazzarò
serie d