Due passi indietro con qualche alibi. Ma questo Taranto si salverà...
LE VOCI DI MRB.IT | L'analisi tecnica e tattica di Taranto-Cosenza
  • Francesco Latartara
  • 03 Gennaio 2017 - 23:59
 
Antonio Boccadamo - foto Luca Barone
Se contro il Matera la sconfitta poteva starci, il mancato risultato positivo in casa contro il Cosenza mette di nuovo in evidenza la scarsa qualità della squadra. Potremmo trovare l'alibi nella difesa schierata con 2 under del '98, avendo Stendardo e Altobello infortunati e De Giorgi squalificato. In più c'è stata l'espulsione di Pambianchi e a quel punto la partita ha preso una piega negativa.

Togliendo gli alibi, invece, complessivamente ho visto una squadra priva di mordente, priva di idee con in fase offensiva poche occasioni per mettersi in mostra. Il Cosenza, anche cambiando allenatore, ha fatto il suo gioco molto arioso e armonico con calciatori che sapevano quello che dovevano fare. Quando hai in attacco gente come Statella, Gambino, Baclet e Cavallaro il gol può arrivare in qualunque momento.

Il Taranto ha fatto due passi indietro in confronto alla partita contro la Juve Stabia, anche se mancavano tanti calciatori importanti. Magnaghi lento nei movimenti, Bollino fuori forma (tornava da un infortunio), Viola non entrato in partita facendo molti errori, centrocampo inesistente. Il nuovo acquisto Som entrato nel secondo tempo potrebbe dare una grossa mano. Fisicamente ben messo, ha un buon sinistro e tatticamente esperto.

La nota positiva sono i giovani tarantini come De Salve, Russo ma soprattutto Boccadamo A. che hanno dimostrato personalità e sicurezza nei momenti particolari della partita.

Come ho detto tante volte in precedenza nel Taranto c'è gente che non è affidabile per questa categoria ma soprattutto per questa piazza importante come la nostra, alcuni farebbero fatica anche in categoria inferiore.

Dal 3 gennaio inizia il calciomercato e i dirigenti devono assolutamente acquistare gente capace e dare via calciatori che non rientrano più nei piani tecnici e societari. Sono sicuro che il Taranto si salverà, soffrendo fino alla fine perché facendo 5/6 innesti importanti e dando via quelli che non servono più la squadra potrà fare un piccolo balzo in avanti eludendo anche i play-out.

Infine fatemi augurare a tutta la cittadinanza tarantina un felice e sereno anno nuovo.
MRB.it Tag:
taranto fc